Esce in ebook “C’ero una volta” di Lele Panzeri

Esce oggi, 2 dicembre, il nuovo eBook dell’editore digitale Blonk “C’ero una volta”, di Lele Panzeri, 63 anni, uno dei pubblicitari italiani più noti: è lui l’autore della campagna “Liscia, gassata o Ferrarelle?”. In questo libro Panzeri si racconta e ci racconta con umorismo e ironia la storia della pubblicità italiana degli ultimi trent’anni, tra leggende e verità, sconfitte, successi e retroscena del mondo che l’autore ha vissuto da protagonista lungo tutta la sua carriera.

Cerounavolta-1aCerounavolta-1a

Il testo, già dato alle stampe nel 2006, è rilanciato in edizione esclusivamente digitale da Blonk (http://www.blonk.it/)Un viaggio nel mondo della creatività che l’autore introduce così: “nella pubblicità molti termini sono mutuati dal linguaggio della guerra: target, strategia, tattica, campagna, briefing… Per continuare con questo linguaggio, posso dire che in pubblicità ci sono personaggi che hanno l’animo e svolgono le funzioni dei generali. E ci sono i marescialli di fureria. Questi e quelli non mi interessano. Poi ci sono i soldati. E questi mi interessano molto. Sono quelli che fanno vincere o perdere le guerre mettendoci l’anima e rimettendoci la pelle, talvolta. Quanto segue è il racconto sintetico degli eventi nella vita di un pilota da caccia. Il mio Spitfire è pieno di medaglie ma anche di buchi di pallottole. Ha volato, è stato abbattuto, è stato riparato, ha volato di nuovo. Ma sempre a bassa quota, fuori dalla portata dei radar, a un’altezza dalla quale un filare di pioppi, un ponte o un bel campanile sono punti di riferimento importanti per riuscire a rimanere vivi”.

In “C’ero una volta” Lele Panzeri – icona vivente del pubblicitario milanese – racconta la storia della sua vita, dalla nascita fino ai primi anni del nuovo millennio.  Lo fa nella forma narrativa propria del sue mestiere di creativo: concetti sintetici che quasi potrebbero essere degli “slogan” se presi uno per uno ma che, inanellati in sequenza temporale, sono una “mitragliata” (come lui stesso definisce il libro) e diventano storia. La sua. Ma anche quella di personaggi noti nell’ambiente delle agenzie di pubblicità. Tra aneddoti, drammi, amori, sconfitte e successi, verità e leggende, raccontati con lieve umorismo e ironia possiamo anche intravvedere la storia delle pubblicità italiana degli ultimi 30 anni, quella più interessante e mitizzata. Già dato alle stampe nel 2006, l’unica “autobiografia non autorizzata” mai pubblicata viene oggi rilanciata da Blonk in edizione esclusivamente digitale.