Juventus Stadium, il calcio del futuro è arrivato

158

di Giacomo Aricò

Il giorno X è arrivato. 8/9/11, una data storica, e nonostante la successione dei numeri, un countdown che si sta finalmente per concludersi dopo cinque anni, quando nel 2006 la Juventus comincia a realizzare il progetto del nuovo stadio che sorge sul vecchio impianto “Delle Alpi”. Marcello Lippi, ex allenatore della Juve che vinse tutto alla fine degli anni Novanta, ha detto ieri che si tratta di un vero e proprio “tempio del calcio”, quasi a rendere sacrale e immortale la passione bianconera.
Il Direttore dello stadio Francesco Gianello, nella prima conferenza stampa assoluto dello scorso 6 settembre all’interno dello Juventus Stadium, ha sottolineato le peculiarità più spettacolari del nuovo impianto: “La vicinanza delle tribune al campo innanzi tutto, che nel punto minimo sarà di appena 7,5 metri e sarà uguale in ogni punto dell’impianto. In questo senso abbiamo eliminato il concetto di curve: chi siederà in Tribuna Nord infatti, sarà alla stessa distanza dal campo rispetto a chi occuperà i posti in Tribuna Ovest”.
Di pari passo alle sensazioni coinvolgenti della partita anche “la sicurezza “  ha poi proseguito Gianello, che “è un altro dei fiori all’occhiello dell’impianto: è stato sviluppato un progetto innovativo per i sistemi di controllo e le installazioni e il sistema broadcasting rispettano gli standard più moderni e nascono rispettando le richieste dei regolamenti nazionali e internazionali”.
Ma non sarà solo il campo a parlare e ad intrattenere. La nuova dimora della Vecchia Signora sarà una struttura che vivrà sette giorni su sette e che vedrà impiegati, durante le gare, fino a 800 persone, 200 solo per il catering e i punti di ristoro. Sempre Gianello evidenzia: “L’accoglienza, infine, è un altro motivo di vanto. I tifosi che vengono nella loro nuova casa devono poter passare in allegria non solo il tempo della partita. Ecco perché sono stati predisposti un elevato numero di punti ristoro e, nelle aree hospitality avremo due cucine che potranno fornire oltre 4.000 pasti nei giorni di gara”.

Stasera l’attesa verrà premiata con l’amichevole Juventus-Notts County ma altri nastri verranno tagliati in futuro: in primavera verrà inaugurato il Museo della Juventus e a maggio 2012 si terrà qui lo Stadium Business Summit, la riunione annuale degli esperti di gestione degli stadi, l’ultima delle quali si è tenuta a Barcellona. Già da ottobre poi lo stadio si aprirà ai tour dei tifosi, cui permetteremo di visitare anche la parti più intime, come gli spogliatoi.

Passando poi ai ricavi economici, il Diretto Marketing di Juventus Francesco Calvo ha sottolineato: “Con questo impianto cercheremo di correggere un’anomalia tutta italiana. I ricavi da stadio infatti, nel nostro paese, rappresentano circa il 13% degli introiti delle società, contro il 27 % di Inghilterra o Germania. Per quanto riguarda la Juventus, lo scorso anno abbiamo incassato dallo stadio circa 11 milioni. Ebbene, per questa stagione, pur mantenendo i prezzi invariati, prevediamo di arrivare a 32, grazie all’aumentata capienza, al naming right e ai servizi aggiuntivi, come Juventus Premium Club”.
Un discorso che coinvolge anche diversi sponsor: “Lo Juventus Stadium inoltre ha già portato i nostri sponsor a partecipare attivamente al progetto: Nike avrà tre punti vendita operativi, mentre Sony ha investito nei led a bordo campo e nei maxischermi. E il risultato sarà visibile a tutti già durante lo spettacolo di giovedì, per la cui produzione televisiva è stato previsto un investimento superiore a quello di una finale di Champions League”.
L’evento, di cui abbiamo già scritto, è stato ideato da Marco Balich e realizzato da K-events. La sorpresa verrà svelata tra qualche ora, ma pur senza entrare nei dettagli, Balich ha parlato dei punti salienti dello show: “Lo spettacolo durerà circa un’ora, celebrerà il passato e il presente della Juve e getterà uno sguardo sul futuro. Tradizione, innovazione e stile, questi i tre punti cardine cui ci siamo ispirati e che avranno due protagonisti: la Juventus e i suoi tifosi.  Del resto è stato lo stesso presidente Agnelli a dirci chiaramente come il pubblico qui debba sentirsi a casa propria”.
Uno spettacolo dalle dimensioni imponenti: “Gli ingredienti della serata saranno quattro: innanzi tutto le coreografie di massa, rese possibili dall’impegno oltre 500 volontari che per tutta l’estate hanno provato e riprovato sotto la canicola. Li abbiamo reclutati tra i tifosi ed è proprio l’amore per la Juventus ad averli sostenuti in questi mesi. Ci saranno poi la parata delle stelle, il taglio del nastro, gli ospiti speciali, saranno celebrati i trofei e i momenti più importanti della storia bianconera. Anche quelli più tragici.  Insomma sarà uno spettacolo toccante – conclude Balich – noi ci siamo emozionati nel crearlo e ci auguriamo che accada altrettanto a tutti voi quando lo vedrete”.
Prepariamo quindi il telecomando. La serata avrà infatti una copertura mediatica massiccia: dalle 19.00, su Sky Sport 1, Sky Calcio 1 e Sky Go, naturalmente anche con la qualità dell’alta definizione, l’evento sarà trasmesso in diretta. Prima un ampio pre-partita condotto da Ilaria d’Amico, quindi lo spettacolo, la partita contro il Notts County e infine le interviste e i commenti al termine dell’incontro con gli inglesi. La serata sarà anche disponibile in PPV e sul servizio Sky On Demand.

Del resto Sky celebrerà degnamente il nuovo stadio bianconero fin dalle prime ore di giovedì 8 settembre. Su Sky Sport 1 HD e Sky Supercalcio HD, dalle 6 del mattino fino a mezzanotte, andrà in onda ”Stadio Day”. Quattro speciali interamente dedicati alla Juventus: uno ne celebrerà la storia, un altro sarà dedicato a capitan Del Piero, un terzo ripercorrerà le tappe della costruzione del nuovo stadio e infine ecco un’intervista esclusiva ad Antonio Conte a tre giorni dall’esordio in campionato. Non mancheranno poi le partite più belle giocate al Delle Alpi, che ha ormai lasciato il posto allo Juventus Stadium.

Tornando alla cerimonia di inaugurazione, anche Juventus Channel partirà con le trasmissioni alle 19.00: il canale bianconero per eccellenza non perderà un minuto della serata, trasmettendo lo spettacolo e la partita in diretta. Ovviamente Sky Sport24 e Sky Tg24, si collegheranno spesso con lo stadio per proporre ai telespettatori aggiornamenti continui. Inoltre Cielo (canale 126 della piattaforma di Sky e 26 del Digitale Terrestre Free) trasmetterà integralmente la cerimonia a partire dalle 21.00.

La scelta è ampia, ma non è finita qui: in una serata tanto importante la Juventus vuole che tutti i suoi tifosi, in ogni angolo del globo, si sentano vicini alla società e alla squadra e possano gustarsi la cerimonia di inaugurazione. Ecco perché su Juventus.com e su Youtube.com/Juventus, a partire dalle 22.00, lo show verrà trasmesso integralmente in streaming.