La7 difende La7: “Miss Italia? Con noi per 3 anni”

30

Paolo Ruffini, direttore di rete: “E’ stato solo l’anno zero…”

twitter@SpotandWeb

Una tv generalista “ha nel suo dna la volonta’ di fare eventi o di riprendere eventi che hanno valenza televisiva. Miss Italia e’ evento nazionalpopolare nel senso piu’ nobile dell’espressione, e la copertura della rete da parte dei telespettatori ieri sera (oltre 8 milioni e mezzo di contatti, ndr) ne e’ la conferma. Avere Miss Italia vuol dire perseguire questo obiettivo e costruirlo”. Cosi’ Paolo Ruffini, direttore di La7, durante la conferenza stampa che ha chiuso questa edizione di Miss Italia, concorso approdato per la prima volta su questa rete e c’e’ gia’ la conferma che il percorso con la Miren andra’ avanti per l’edizione del 2014.

miri

“Questo e’ stato un anno zero – ha aggiunto Ruffini – e in futuro (c’e’ l’opzione de La7 per un triennio, da rinnovare anno per anno, ndr) sara’ un percorso per costruire insieme un evento televisivo, e non solo televisivo, del costume nazionalpopolare”.

Il direttore di rete ha aggiunto: “Ragioneremo su che tipo di serata fare, se piu’ breve rispetto a ieri (e’ durata quattro ore e mezza, ndr) o se pensare a piu’ serate. Quest’anno l’alternativa sostanzialmente era esserci o non esserci. Ci siamo stati, ora comincia un nuovo cammino, piu’ pensato e articolato”.

Ruffini ha infine ricordato che questa edizione “e’ stata costruita in una corsa contro il tempo, nel giro di un mese e’ stato fatto tutto”, dal contratto alla realizzazione del programma, “andando in onda in un periodo decisamente diverso dal passato”.

L’idea e’ quindi quella di puntare il prossimo anno all’appuntamento con il mese di settembre, intorno alla meta’, come ha suggerito Patrizia Mirigliani.