CAME ESORDISCE AL CINEMA CON IL FILM “COSE DELL’ALTRO MONDO”

206

Came Group, azienda nel settore delle automazioni per la sicurezza e il controllo degli ambienti, debutta al cinema insieme ad Abatantuono. Dopo l’esperienza in pista al fianco del campione Max Biaggi come sponsor ufficiale del Superbike World Champions e del Team Racing Aprilia, Came esordisce nel mondo del cinema come set del film “Cose dell’altro mondo” di Francesco Patierno, che verrà presentato il 3 settembre alla Mostra Internazionale del Cinema di Venezia.

Prodotto da Rodeo Drive, in collaborazione con Medusa Film, “Cose dell’altro mondo” affronta il tema dell’immigrazione e del razzismo con una robusta vena comica, immaginando una laboriosa città del Nord Est dalla quale, da un giorno all’altro, scompaiono tutti gli immigrati. Nei panni di un industriale veneto buontempone che si diverte a mettere in scena quotidianamente un teatrino razzista, l’attore Diego Abatantuono che, insieme al cinico poliziotto romano Valerio Mastandrea e alla bella maestra elementare Valentina Lodovini, si troverà a fronteggiare le difficoltà dell’effettiva scomparsa di tutti gli extracomunitari.

Per rappresentare lo spaccato dell’industria veneta, il regista Francesco Patierno ha scelto di ambientare alcune scene del film tra gli uffici e i magazzini di Came Cancelli Automatici, a Dosson di Casier, arruolando anche una trentina di dipendenti come comparse.
Ed è proprio tra i macchinari e i pallet di Came che si avvera l’incubo del protagonista Diego Abatantuono-Golfetto, improvvisamente costretto a confrontarsi con un industria priva della forza lavoro degli extracomunitari.

“Il film ‘Cose dell’altro mondo’ è stata un’esperienza importante per la nostra azienda che, per la prima volta, ha collaborato con una produzione cinematografica. – afferma Elisa Menuzzo, Responsabile Risorse Umane di Came Group – La scelta di Came come set del film ci ha resi orgogliosi di rappresentare, seppur nel paradosso messo in scena dalla pellicola, l’industria veneta, anche in virtù dell’importanza che Came ha sempre dato alla valorizzazione del territorio in cui opera”.