Fiocco Rosa in casa Mediaset: nasce La5

493

di Andrea Polo

Un nuovo arrivo in famiglia, si sa, mette entusiasmo ed allegria. Questa è l’aria che si respirava anche ieri alla presentazione alla Stampa del nuovo canale per il digitale terrestre targato Mediaset. Davanti a una platea affollatissima sono stati presentato lo spirito, il palinsesto e gli obbiettivi di La5, il canale femminile che comincerà proprio questa sera le sue trasmissioni sui canali 31 e 44 del digitale terrestre. La5, che già dal logo manifesta tanto la sua continuità quanto la sua originalità (vera o presunta poi sarà il tempo a dirlo) rispetto all’ammiraglia generalista di Canale 5, è un canale dedicato alle donne che proprio le donne vorrebbe anche raccontare. Andiamo a vedere come. Obbiettivo dichiarato per i primi 12 mesi di vita di questo canale, che per ammissione dello stesso Massimo Donelli è un work in progress, preparato molto in fretta (100 giorni quelli dichiarati) per non perdere l’occasione dello switch al digitale terrestre della regione Lombardia, è quello di raggiungere uno share dell’ 1% fra il pubblico complessivo e del 5% sul suo main target (le donne fra i 14 e i 40 anni). “Di certo ci sono degli errori nel palinsesto”, ha detto Donelli, “ma li rimetteremo a posto anche grazie alle segnalazioni del pubblico.” Poche le produzioni originali (3 in tutto e le analizzeremo più avanti), ma enorme la selezione di telefilm, film, sit-com, fiction e soap operas (ci sarà anche un mega puntatone di Beautiful in prima serata) che troveranno spazio sulle frequenze di La5. Uno dei concetti più interessanti che metterà in campo La5 è quello della Catch up TV. I programmi di maggiore interesse per il pubblico di riferimento saranno riproposti in orari diversi da quelli di programmazione soliti, in modo tale da poter essere effettivamente fruiti dal pubblico in  base ai propri impegni e non alle scelte di programmazione della rete. Di alcuni programmi trasmessi sulle reti generaliste di casa Mediaset (uno per tutti Chiambretti Night) verrà poi presentata una selezione in chiave femminile. La5, oltre a dare un ampio spazio al fenomeno Grande Fratello riproponendo integralmente, a 10 anni dalla prima messa in onda, tanto la prima edizione del reality quanto di quel Mai dire Grande Fratello targato Gialappa’s che ha senza alcun dubbio favorito notevolmente il successo dei reclusi nella casa di Cinecittà, presenterà una selezione dei reality show più belli o curiosi programmati nel mondo. Senza dubbio ottima anche la scelta del film che caratterizzerà la prima sera di trasmissione di La5. Come tu mi vuoi, il film con Nicolas Vaporidis e Cristiana Capotondi, sarà trasmesso in prima visione TV, e c’è da aspettarsi che l’interesse per questa pellicola aiuterà il canale a ottenere un buon esordio. Specialmente se gli spettatori saranno riusciti a non vedere l’agghiacciante produzione originale che inaugurerà le frequenze del canale: Le nuove mostre. Questa striscia quotidiana targata Antonio Ricci sarà presentata dalle due veline attualmente in carica, Costanza Caracciolo e Federica Nargi. Il titolo palesa subito la natura del programma, si tratta dello spin off della rubrica di Striscia la Notizia dedicata al peggio della televisione, La Caracciolo e la Nargi dovrebbero intervallare il tutto con dei siparietti “divertenti”, ma lo spezzone presentato ieri in conferenza ha suscitato commenti a mezza voce e sguardi che divertiti non sembravano, non almeno come vorrebbero gli ideatori del programma. Pare curioso, infine, che un canale dedicato alle donne affidi la conduzione del suo debutto proprio alle veline di Striscia. Nella presentazione è stato detto che la clip era ovviamente una sorta di  “prova”, speriamo sia vero il detto per cui “una pessima prova porta a una splendida prima”.Le altre 2 produzioni originali del canale sno decisamente più interessanti. Saranno un dietro le quinte della trasmissione Ciao Darwin (Ciao Darwin 6: istruzioni per l’uso) che mostrerà, con Paolo Bonolis e Luca Laurenti, tutto quello che non si è visto nel programma campione di incassi del prime time di Canale 5 e, ma da luglio prossimo, Amici in Tour, lo spettacolo itinerante che i ragazzi della scuola di Maria de Filippi portano in giro per l’Italia da alcuni anni. Questi i piani con cui si accende la nuova realtà Mediaset dedicata alle donne, riuscirà a centrare gli obbiettivi? Staremo a vedere e aspettiamo che il work in progress faccia il suo effettivo rodaggio, magari insegnando qualcosa anche per la messa in onda dei prossimi due canali digitali previsti: un all news  diretto da Mario Giordano e un canale per il pubblico maschile  giovane, attualmente l’unico escluso dall’offerta del digitale terrestre Mediaset.