ASA ASSOLVE LA NUTELLA DI FERRERO

di Federico Unnia

Evidentemente agli inglesi, come a moltissimi altri consumatori al mondo, la Nutella piace e non vi è nulla che possa far male alla salute. E’ quanto si ricava dal nuovo round pubblicitario svoltosi nelle scorse settimane avanti all’Advertising standards authority inglese, l’organismo di autodisciplina che controlla la liceità dei messaggi pubblicitari diffusi. La vertenza, promossa da oltre 30 consumatori, riguardava uno spot trasmesso in tv e un video on demand, in cui era rappresentata una situazione familiare di consumo a colazione di Nutella. Secondo alcune associazioni, il messaggio sarebbe risultato ingannevole in quanto il messaggio non presentava in modo corretto che il prodotto contiene grassi e zuccheri. Insomma, che consumarlo va bene, ma non in dosi e con una costante frequenza giornaliera. Far vedere un consumo quotidiano di questo crema, secondo alcuni consumatori, era scorretto in quanto poteva indurre stili di alimentazione non corretti. Ferrero, azienda da sempre attentissima e molto sensibile all’affermazione, in tutto i mercati in cui opera, di corretti stili di alimentazione, aveva fornito ogni chiarimento all’Asa, sia in termini di informazioni sulla composizione della straordinaria crema sia per le quantità di consumo raffigurate nel messaggio. In particolare, la comunicazione di Nutella da sempre promuove la corretta cultura della prima colazione, momento di alimentazione troppo spesso trascurato e non adeguatamente insegnato anche ai più piccoli. L’Asa, al termine della sua istruttoria, ha ritenuto corretti i messaggi pubblicitari Nutella. Ciò in quanto non solo le informazioni sulla composizione del prodotto sono sempre state chiaramente comunicate al consumatore. Ma soprattutto perché i quantitativi e la composizione complessiva delle opzioni alimentari della prima colazione era improntata alla misura e al corretto mix di ingredienti,. Insomma, nessuna eccessiva promozione del consumo di sola Nutella, ma una corretta integrazione con molti altri alimenti. Insomma, una corretta rappresentazione di quella che, anche grazie a Nutella, deve essere la corretta colazione, senza l’affermazione di un consumo unico di Nutella, smodato nei quantitativi e, soprattutto, sempre ogni giorno. Un esempio corretto di mix responsabile tra consumo e promozione del proprio prodotto e un salutare stile di alimentazione, anche nella prima colazione.