“CHE ANNI QUEGLI ANNI ‘60”

Epoca torna con un nuovo numero speciale Che anni quegli anni ’60,
che sarà in edicola a partire da domani, venerdì 22 luglio.
Dopo i numeri dedicati all’anniversario della caduta del Muro di Berlino e alla beatificazione di Papa Giovanni Paolo II, la storica rivista Mondadori divenuta celebre per il suo stile unico, fatto di inchieste e reportage con la fotografia come protagonista, propone una straordinaria e intensa
narrazione sugli anni ’60, un decennio che ha cambiato la nostra vita.
I favolosi Sixties, gli anni dei Beatles, dei Kennedy, del Vietnam, del boom economico italiano rivivono nelle immagini e nei testi prestigiosi di uno dei magazine più autorevoli e blasonati del giornalismo italiano. Un viaggio nella memoria recente della nostra storia, attraverso gli
avvenimenti, le rivoluzioni e i protagonisti che hanno caratterizzato il decennio.
Il numero di Epoca sarà articolato in quattro sezioni tematiche. A cominciare da Il mondo sottosopra, dove sono ripercorsi i grandi movimenti sullo scacchiere internazionale, la saga dei Kennedy, la Guerra Fredda, il maggio parigino.
La seconda, Odissea nella scienza, con la corsa allo spazio come metafora della modernità, i trapianti di cuore e i grandi progressi della medicina e un eccezionale testo di Giuseppe Ungaretti sullo sbarco sulla Luna. Le grandi trasformazioni di costume sono raccontate in Flower Power:quattordici pagine dedicate ai Beatles con la prima intervista italiana in esclusiva dei Fab Four, la nascita della pop art di Warhol e della grande moda.
Infine Il paese sospeso parla delle pagine più significative della storia italiana, racchiuse tra il boom economico e gli anni di piombo: dall’alluvione di Firenze alla dolce vita di Marcello Mastroianni e Sophia Loren; dalla contestazione studentesca alle imprese ad alta quota di Walter Bonatti; dall’esondazione del Vajont alla strage di Piazza Fontanta, che idealmente chiude il decennio.
Epoca – Che anni quegli anni 60 è un grande omaggio al giornalismo di qualità, grazie ad un’accurata selezione dei migliori articoli dei giornalisti del magazine e di tanti, illustri collaboratori tra cui: Livio Caputo, Piero Chiara, Gianni Brera, Guido Gerosa, Jean Lartéguy, Giuseppe Grazzini, Livio Pesce, Pietro Zullino ed Ernest Hemingway.