Riparte ‘Kilimangiaro’: con Licia Colò c’è Dario Vergassola

204

Da domenica la nuova serie della storica trasmissione di Rai 3

twitter@SpotandWeb

Dario Vergassola e una nuova prima donna: Licia Colo’. Con lei salira’ sul ‘Kilimangiaro’, da domenica 13 ottobre per 26 puntate consecutive su Rai 3.

verga

“Prima c’e’ stata Simona Ventura, poi Serena Dandini e ora Licia Colo’. Il fatto e’ che sono un sex symbol e vogliono provarci con me, ma forse questa e’ la prima volta che sono stato apprezzato soprattutto per la mia bravura e non per la mia bellezza”.

Una battuta dietro l’altra e la conferenza stampa di presentazione del programma sterza sull’ironia targata Vergassola. Anche se forse un pizzico di verita’ c’e’: e’ stato proprio Licia Colo’, infatti, a volerlo: “Per questa edizione mi avevano detto che si stava pensando ad un nuovo ospite fisso con me in trasmissione, uno scrittore o un viaggiatore. A quel punto – racconta – io ho, invece, proposto un ‘anti-Licia’, un personaggio dirompente. Poi quando mi hanno chiesto a quale nome per esempio stessi pensando, ho detto Vergassola”.

Una scelta un po’ pericolosa, si fa per dire, perche’, come spiega il giornalista Giuseppe Pinetti che, all’interno di una nuova ‘finestra’ del programma seguira’ i principali eventi in giro per l’Italia, Licia non sa esattamente cosa Dario dira’ di volta in volta ed ha accettato questa estemporaneita’.

Ma le novita’ sono anche altre: il consueto titolo ‘Kilimangiaro’ avra’ ora il sottotitolo, ‘Com’e’ piccolo il mondo’.

Verra’ poi utilizzata una tecnologia piu’ che mai avanzata: le riprese degli scorci piu’ suggestivi, infatti, saranno realizzate utilizzando speciali droni, dotati di telecamere in grado di effettuare riprese insolite e proporre punti di vista nuovi e, il piu’ delle volte, ancora sconosciuti. Non solo. Oltre alle mete insolite in lontane e sconosciute localita’ del mondo, ci saranno questa volta citta’ europee (e non necessariamente le note capitali) che, come evidenzia il vicedirettore di Rai 3 Luca Mazza’, “stanno cambiando il mondo, come Marsiglia o Barcellona. Verra’ dato poi piu’ spazio all’Italia in ogni puntata con una finestra sull’attualita’, con un’inchiesta sui beni culturali violati ed infine con una gara fra 20 borghi italiani con relativo voto su Internet per arrivare a decretare il borgo piu’ bello del nostro Paese”.

“Cerchiamo anche quest’anno di essere coerenti e credibili. Questo e’ sempre stato ed e’ il nostro impegno. Abbiamo sempre avuto una concorrenza molto forte – osserva Licia Colo’ – e ce l’avremo anche quest’anno, ma ora credo che la trasmissione sia anche piu’ forte di prima”.