AAA Firenze cerca il suo brand

Renzi dà il via a un concorso sul web

twitter@SpotandWeb

AAA brand per Firenze cercasi: e per farlo il capoluogo toscano lancia un contest internazionale rivolgendosi ai creativi di tutto il mondo.

renziIl cuore stilizzato di New York, la sirenetta di Copenhagen, oppure il richiamo all’immagine della torre Eiffel che spunta sotto la scritta ‘Paris’. Ogni grande citta’ ha un proprio brand, un simbolo di riconoscimento che la caratterizza agli occhi del mondo. E anche Firenze ne vuole uno.

Così, il Comune ha lanciato oggi un contest internazionale on line per trovare un logo innovativo che caratterizzi per il futuro la citta’.

Da oggi e fino al 14 ottobre, data di scadenza del contest, chiunque, designer, creativi, artisti, singoli o societa’, potranno farsi avanti e provare a inventare la loro idea di Firenze.

Anziche’ rivolgersi a un’agenzia di comunicazione o fare una selezione tradizionale, il Comune ha preferito affidarsi a una sorta di ‘concorso 2.0′ sul web cosi’ da rendere la partecipazione il piu’ possibile democratica, facile e trasparente.

Il concorso sara’ gestito da Zooppa, start up dell’incubatore veneto di H-Farm, che si ispira ai principi del crowdsourcing e alle dinamiche dei social network. H-Farm fa tra l’altro riferimento all’imprenditore Renzo Rosso, il patron di Diesel che non ha mai fatto mistero di guardare con favore a Matteo Renzi.

“Firenze non e’ un brand ma avra’ un brand – ha spiegato il sindaco Matteo Renzi – perche’ avere un brand significa essere riconoscibile a livello mondiale e anche ricavare denaro che e’ nostra intenzione reinvestire in cultura, cosi’ come fatto per il contributo di soggiorno”.

Saranno selezionati i trenta migliori lavori e tra questi il primo classificato, che vincera’ un premio di 15 mila euro messi a disposizione da Audi. Il marchio sara’ utilizzato per la promozione di Firenze a livello nazionale e internazionale, per la comunicazione delle innovazioni e dei cambiamenti della citta’, per la comunicazione culturale e turistica, ma anche in ottica commerciale, mediante attivita’ di merchandising e licensing.