A Hong Kong fanno resuscitare Bruce Lee. Per uno spot di un whisky

69

Ma scattano le polemiche. Un amico dell’attore: “E pensare che era astemio…”

twitter@SpotandWeb

La compagnia americana Johnnie Walker ha usato il deceduto profeta del kung-fu, l’attore hongkonghese Bruce Lee, per uno spot pubblicitario. Il volto dell’ attore – deceduto nel 1972 a 32 anni di eta’ – e’ stato ricreato al computer, ed e’ stato sovrapposto al corpo di un esperto di arti marziali che gia’ prima dell’ intervento dei grafici assomigliava molto a Lee.

bruceSta di fatto che un amico dell’ attore, il regista Edwin Lee, ha criticato la Johnnie Walker ricordano che Bruce era astemio.

I produttori dello spot ricordano che e’ stato realizzato col consenso dei parenti del campione di kung-fu e che la figlia di Bruce, Shannon Lee, ha collaborato alla sua sceneggiatura.

”Abbiamo lavorato per nove mesi per mettere punto il suo volto”, ha dichiarato il regista Joseph Kahn. Bruce Lee, nato e cresciuto ad Hong Kong, ha vissuto per alcuni anni negli Usa ed e’ diventato famoso per i suoi film basati sul kung-fu come ‘Enter the Dragon” (titolato ‘Dalla Cina con Furore’ nella versione italiana).

E poi, c’e’ stato anche chi ha gioito per la trovata della Johnnie Walker, complimentandosi perche’ ”ha fatto rivivere una leggenda”.