Oscar TV dell’anno: Daniele Piombi e la Rai perdono causa a Roma

91

di Federico Unnia

Il Tribunale di Roma rigetta il ricorso di Daniele Piombi e della Rai

Federico Unnia
Federico Unnia

Il primo round della sfida sulla validità del marchio Oscar va all’ Academy of Motion Picture Arts and Sciences che ha ottenuto una sentenza favorevole dal Tribunale di Roma nella causa intentatale contro dal noto conduttore Daniele Piombi e dalla Rai.
La sentenza, depositata il 26 luglio 2013 dall’IX sezione del tribunale di Roma specializzata in materia di proprietà industriale e intellettuale, lascia aperta la possibile strada al ricorso in appello per Piombi e la rai sebbene il principio che sancisce lascia sulla carta poco spazio a ripensamenti.
Il Tribunale di Roma – dando ragione all’Academy, assistita dallo Studio Legale S.I.B. – ha accertato che il marchio “Oscar” “non ha perso il proprio valore distintivo, ma anzi lo ha aumentato nel tempo, in relazione all’attività dell’Academy e alla crescente fama e prestigio dei premi cinematografici contraddistinti da tale termine”, ed è perciò un marchio valido che l’Academy può far valere nei confronti di terzi che usino il segno “Oscar”. Sulla base di queste premesse il Tribunale ha dichiarato la nullità del marchio “Oscar TV dell’anno” della Publi Show, ha ritenuto questa società responsabile di contraffazione del marchio “Oscar” dell’Academy e del compimento di atti di concorrenza sleale, vietando al tempo stesso alla Publi Show l’uso appunto del marchio “Oscar TV dell’anno”. Ha inoltre disposto la prosecuzione della causa per la quantificazione dei danni subiti ed ha ordinato la pubblicazione del dispositivo della sentenza sul Corriere della Sera.
La vertenza era sorta nel 2008 quando la Publi Show, società di Daniele Piombi, aveva promosso, con l’intervento adesivo della Rai, una causa davanti al Tribunale di Roma per chiedere che fosse dichiarata la liceità del marchio “Oscar TV dell’anno”, registrato e usato per alcuni anni dalla stessa Publi Show, e la decadenza per “volgarizzazione” del marchio “Oscar” di titolarità dell’Academy of Motion Picture Arts and Sciences.