Articoli con lo sponsor sul New York Times. E’ la stampa ai tempi della crisi, bellezza

Il calo di pubblicità mette all’angolo anche il giornale più famoso al mondo

twitter@g_santaniello

Ecco: ai puristi alla Humphrey Bogart verrà un coccolone. Ma è la stampa ai tempi della crisi, bellezza. E tu non ci puoi fare niente. Si dovrà accettare anche il fatto che il New York Times potrebbe aprirsi agli articoli sponsorizzati, imitando quanto fatto – con grande successo – dal sito BuzzFeed da qualche anno.

nytLo rivelano fonti molto vicine ai vertici del quotidiano guidato per la prima volta dal 1851, anno della sua fondazione, da una donna, Jill Abramson, e riportate da Bloomberg.

Pare che l’editore Arthur Sulzberger e l’amministratore delegato Mark Thompson ne stiano discutendo da mesi.

La mossa porterebbe nelle casse del giornale di New York ingenti quantità di denaro, soprattutto se venisse sfruttato il traffico sulla sua homepage, pari a 35 milioni di accessi al mese.

Il giornale più famoso al mondo da tempo cerca nuove fonti di guadagno. Anche nelle stanze della redazione ridisegnata da Renzo Piano, del resto, la crisi non ha bussato certo alla porta chiedendo permesso per entrare. Lo testimoniano i dieci trimestri di fila di introiti da pubblicità in calo: questi ultimi sono passati da quota 1,27 miliardi di dollari nel 2006 ai 711,8 milioni dello scorso anno.

Nella scelta di questa nuova strada, in ogni caso, il giornale fondato 161 anni fa garantirebbe, stando sempre a quanto riportato  da Bloomberg, che le storie sponsorizzate dagli inserzionisti saranno ben segnalate ai lettori per non essere confuse con gli articoli veri e propri.

Questo tipo di inserzioni, come accennato, aveva fatto la fortuna di testate come BuzzFeed: in pratica il giornale online sin dall’inizio aveva deciso di non accettare pubblicità tradizionali, offrendo alle aziende la possibilità di trasformare la loro comunicazione in notizie facilmente condivisibili sulla rete.

E’ la stampa ai tempi della crisi, bellezza. E noi tutti non possiamo farci niente.