Made in Italy, la grappa trentina in Svizzera. Col tridente

L’obiettivo della settimana di promozione è conquistare il mercato non solo elvetico, ma di tutta l’Europa del Nord. Nel nome del marchio doc

twitter@SpotandWeb

Aprire al mercato del Nord Europa. E’ uno degli obiettivi principali della ‘settimana svizzera’ della Grappa del Trentino. Promosso dall’Istituto di tutela della Grappa del Trentino, in collaborazione con il Consorzio di tutela dei vini del Trentino, l’evento si snodera’ in diverse serate, a partire da oggi, 27 maggio, fino al 1° giugno.

grappa trentinaRistoranti quotati di Zurigo ospiteranno cene durante le quali saranno in mostra i prodotti trentini, a partire dalle materie prime, passando per i vini, per concludere con le grappe a marchio tridente.

“Un’iniziativa che abbiamo pensato per rafforzare un mercato gia’ ricettivo come quello svizzero – spiega il presidente dell’Istituto, Beppe Bertagnolli – e che al contempo deve servire per stimolare buyer e operatori del settore che operano anche in altri mercati di nostro interesse, quali quelli tedesco e nordeuropeo dove il nostro prodotto e’ gia’ conosciuto, ma dove le potenzialita’ sono ancora molto importanti”.

Negli ultimi giorni, inoltre, l’Istituto ha partecipato con una propria area degustazione alla Mostra dei Vini del Trentino, a Trento, per far conoscere oltre 40 diverse etichette tra cui circa 30 grappe cosiddette ‘giovani’, comprese quelle realizzate con monovitigni autoctoni (Teroldego, Nosiola, Marzemino), il vero vanto della grappa del Trentino.

La produzione annua di grappa del Trentino rappresenta circa il 10% di quella nazionale, vale a dire circa 4 milioni di bottiglie equivalenti (da 70 centilitri).

La produzione media annua di grappa in Trentino e’ di circa 10 mila ettanidri, distillando, sempre in media annua,16 mila tonnellate di vinaccia.

Tre le tipologie principali di grappa prodotta: quella da uve aromatiche (40% del totale), quella destinata all’invecchiamento (circa il 35%) e quella da vinacce miste (circa il 25% della produzione).

Il fatturato medio annuo che la grappa genera in Trentino e’ calcolato intorno ai 15 milioni di euro per l’imbottigliato e 2 milioni di euro per quanto riguarda la materia prima. La quota export rappresenta circa il 20% del totale.

L’Istituto di tutela della grappa del Trentino e’ nato nel 1960 con l’obiettivo di tutelare e promuovere il prodotto. Oggi conta 29 soci, dei quali 21 sono distillatori e rappresentano la quasi totalita’ della produzione trentina. Ha il compito di valorizzare la produzione tipica della grappa ottenuta esclusivamente da vinacce prodotte in Trentino e di qualificarla con un apposito marchio d’origine e qualita’: il tridente con la scritta ‘Trentino Grappa’. Un tridente per cui vale la pena diventare frontalieri.