Donne e smartphone: la vita di tutti i giorni passa dal mobile

174

ebay-mega800Alfemminile.com, il sito web dedicato al mondo femminile che conta oltre 5.000.000 di Utenti Unici al mese e che rappresenta il Gruppo aufeminin in Italia, e il sito di ecommerce eBay, rendono noti i risultati della ricerca sull’uso che le donne fanno dei device mobili. La ricerca è stata effettuata su scala europea su un campione di 3000 persone.

La tecnologia mobile è ormai entrata nelle case della maggioranza delle donne, in Italia e in Europa: una tendenza che ha cambiato e sta continuando a modificare le abitudini quotidiane di molte donne, spesso rendendo la vita più semplice, soprattutto per chi ha poco tempo e si sposta spesso durante la giornata.

Ciò che emerge dalla ricerca è che per l’87% delle intervistate lo smartphone è un oggetto di uso quotidiano e che il 97% lo utilizza ovunque e in ogni occasione.

Il 73% delle donne intervistate possiede uno smartphone e tra queste l’11% ne possiede più di uno.

L’81% delle intervistate ammette di non poter stare senza smartphone: il14% non riesce a resistere lontano dal telefono per più di un’ora, il 18% per più di mezz’ora e c’è perfino un 9% che non può fare a meno di controllarlo ogni 5 minuti. Non mancano tuttavia alcune situazioni in cui lo smartphone viene messo al bando da molte donne: questo avviene nel 52% dei casi durante un appuntamento e nel 65% durante un incontro professionale.

C’è chi però non riesce proprio a fare a meno di avere sotto mano il proprio telefonino in ogni situazione (5%), anche nel bel mezzo di un incontro amoroso (17%).

Se il telefonino è il mezzo privilegiato per telefonare e mandare SMS, lo è anche per navigare, fare foto e video e consultare l’email con una media dell’80% delle intervistate che lo utilizza per questi scopi. Il tablet è invece preferito dal 58% delle donne che vogliono fare acquisti online o che vogliono leggere un libro (63%) o giornali online (58%).

Lo smartphone trionfa anche sul luogo di lavoro con il 95% delle preferenze rispetto al tablet: il primo si afferma come lo strumento migliore per amministrare la propria agenda e conciliare così più facilmente vita privata e professionale. Non è tuttavia da trascurare il fattore stress che questo mezzo può generare, un problema che affligge il 32% delle donne che lo utilizzano.