AAA il Teatro San Carlo offre scenario internazionale ai grandi marchi

Accordo con la San Francisco Opera. Nel nome della grande musica. Ma anche degli affari sull’asse Campania-Silicon Valley

twitter@g_santaniello

Metti assieme le due baie più famose al mondo: quella di San Francisco e quella di Napoli. La San Francisco Opera. Il teatro San Carlo. Un napoletano, Gaetano Merola, che, all’inizio del Novecento, portò la grande musica in California. Il bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi. E verrà su una vetrina e un’occasione d’affari per i grandi marchi dei due territori, la Campania e la Silicon Valley.

san carlo

Il prossimo 25 ottobre, è in programma a San Francisco la “Messa da Requiem” del cigno di Busseto. Ma, soprattutto, un tentativo di creare ricadute concrete non solo nella cultura ma anche nell’economia delle due città, con tanto di tappe di avvicinamento alla serata sull’una e sull’altra sponda dell’oceano.

de magistris
Luigi De Magistris

La campagna di raccolta fondi per l’evento già è partita coinvolgendo imprenditori e societa’ civile. L’obiettivo, sull’asse Napoli-San Francisco, è di sviluppare nuove opportunita’ e partnership in campo artistico, imprenditoriale, turistico e nel settore della ricerca scientifica.

Per questo, il teatro San Carlo ha invitato i marchi di eccellenza del territorio campano e della Silicon Valley a diventare sponsor del concerto, offrendo alle imprese italiane e statunitensi la possibilita’ di partecipare a workshop, meeting e incontri BtoB (on line), con assistenza logistica e linguistica.

Oltre alla sponsorizzazione, e’ possibile partecipare all’evento con l’adesione alla manifestazione d’interesse promossa dalla Camera di Commercio di Napoli (il bando e’ consultabile sul sito www.teatrosancarlo.it).

E’ stata aperta, a tal proposito, anche una pagina Facebook e una sul sistema “kapipal” attraverso le quali anche i semplici cittadini potranno offrire il loro contributo.

Il 4 giugno, inoltre, a Napoli, il teatro metterà a disposizione due preziosi premi (una serigrafia di Mimmo Paladino per il “Fidelio” del San Carlo e un costume di scena di “Semiramide” firmato Emanuel Ungaro) per un’asta di sostegno al progetto. E il 15 si replicherà a San Francisco, dove si batteranno i ‘tesori’ del teatro nell’ambito di una cena cui partecipera’ anche il sindaco Luigi de Magistris.