Radio, Rtl si conferma l’emittente più ascoltata

Aumenta il distacco dalla diretta inseguitrice, Deejay. Male Radio Radicale (aspettando l’effetto-Bonino)

twitter@g_santaniello

“La capolista se ne va”, canterebbero i suoi fan se si trattasse di una squadra di calcio. Rtl 102,5, nel primo trimestre del 2013, si conferma al primo posto delle radio nazionali e locali più ascoltate in Italia e allunga sulla diretta concorrente, Radio Deejay. Lo strappo in classifica è segnato dal +2,6% di ascoltatori segnato da Rtl a fronte di un arretramento dell’1,1% di Deejay. Lo si rileva dai dati resi pubblici oggi da RadioMonitor di Gfk Eurisko.

radioSe Rtl si conferma capolista, in ogni caso, il primo scorcio del 2013 premia con la migliore performance rispetto all’anno scorso Radio Capital e Radio Italia di Mario Volanti, rispettivamente con un incremento degli ascolti del 3,8% e del 3,4%. Bene anche Kiss Kiss con un bel + 2,8% e Virgin Radio con +2,6%.

Male, invece, il 2013 di Radio Radicale (ma che da aprile in poi potrà contare quantomeno sull’ingresso di Emma Bonino nel governo) con un crollo del 5,1%; e Radio 3 Rai che segna un -2,09%.

In ogni caso, la classifica completa delle radio nazionali più ascoltate nel giorno medio con accanto gli ascoltatori calcolati in migliaia è la seguente: 1) Rtl 102.5 (6878); 2) Deejay (5171); 3) 105 (4909); 4) Rds (4758); 5) Radio Italia (4573); 6) Radio1 Rai (4399); 7) Radio2 Rai (3041); 8) Virgin Radio (2384); 9) R101 (2069); 10) Radio 24 (1896); 11) Kiss Kiss (1883); 12) m20 (1670); 13) Capital (1639); 14) Radio Maria (1457); 15) Radio 3 Rai (1357); 16) Rmc (1256); 17) Radicale (279).