Il programma di Assocom per difendere le istanze delle imprese della comunicazione

116

Dialogo aperto e proficuo con le aziende committenti, a vantaggio di entrambe le parti. Azioni efficaci per promuovere le istanze del comparto e difenderne gli interessi legittimi, a livello nazionale ed europeo, cominciando dai temi della pressione fiscale e della flessibilità del lavoro. Essere sempre di più al servizio degli associati, affiancandoli e sostenendoli nella formazione, digitalizzazione, internazionalizzazione.

Questi sono gli obiettivi di Assocom che in pochi mesi ha realizzato un cambiamento radicale nell’organizzazione, nella struttura e nella modalità di azione. E che continuerà ad impegnarsi nell’interesse dell’intero settore, convinta che lo scetticismo e le divisioni interne non aiutino ad affrontare i problemi veri e seri del mercato della comunicazione.

“La situazione è molto critica, lo sappiamo. Non per Assocom: morta un’associazione se ne può anche fare un’altra. Il dramma riguarda tutto il comparto e le singole imprese della comunicazione, in un mercato che ci sta penalizzando e frustrando ancora più che negli altri Paesi europei – afferma Peter Michael Grosser, co-Presidente di ASSOCOM e Presidente e Amministratore Delegato di CAYENNE – Assocom dal 1949 difende gli interessi delle imprese associate per una comunicazione di qualità e lo sviluppo di un mercato sano, siede ai tavoli nazionali ed europei dove si decide del futuro del nostro settore, ha una reputazione e un’esperienza che vuole continuare a mettere a disposizione delle agenzie, grandi e piccole, italiane e multinazionali. Bisogna agire rapidamente e con efficacia per affrontare problemi noti ma spesso non alla portata della singola azienda. Assocom ha gli strumenti e la competenza per riuscirci. Con la forza e la partecipazione di tutti ce la faremo”.

Ecco alcuni temi rilevanti sui quali l’associazione si sta già impegnando:

– promuovere un dialogo con le Aziende Committenti, per rendere il rapporto più proficuo per entrambi affrontando questioni fondamentali come le regole per le gare, la codifica processi di qualità o la battaglia contro le pratiche scorrette;

– la presa di posizione contro un’imposizione fiscale iniqua, con tasse perverse come l’Irap, che erode competitività e incide sulla capacità di remunerare i talenti, ovvero l’asset più importante delle aziende della comunicazione;

– sensibilizzare i decisori sulla flessibilità del lavoro, oggi impraticabile e invece cruciale in un settore che richiederebbe maggiore capacità di adattamento alle inevitabili fluttuazioni del business;

– creare ancora maggiore sinergia con le associazioni Europee (EACA) per aumentare l’efficacia delle azioni di tutela delle istanze e degli interessi degli associati;

– affiancare e sostenere le imprese associate nel recupero o nel mantenimento della loro competitività attraverso formazione, supporto nei processi di digitalizzazione e internazionalizzazione.

“Sappiamo bene quali sono le critiche che da più parti ci sono state rivolte anche in tempi recenti. Per un’associazione con oltre 60 anni di storia e tradizione sicuramente non è facile cambiare, ma Assocom è riuscita a realizzare in pochi mesi quelle trasformazioni nella governance e nell’organizzazione che erano necessarie per far fronte alle difficoltà del mercato – commenta Enrico Gasperini, co-Presidente di ASSOCOM e CEO di Digital Magic – Ora stanno per partire azioni concrete: una campagna di sensibilizzazione sulla comunicazione di qualità,incontri sul territorio con gli associati e con le imprese che ancora non ci conoscono, una ricerca sul mercato unica nel suo genere, realizzata dal Politecnico di Milano, che aiuterà le aziende della comunicazione a comprendere meglio in quale direzione muoversi per recuperare competitività. Stiamo rafforzando il nostro ruolo in contesti strategici per il nostro comparto, come le Audi, siamo gli unici rappresentati a livello internazionale presso l’EACA. E, non ultimo, abbiamo adeguato le quote associative a questo momento difficile per tutti. Abbiamo la possibilità di incidere e aiutare la ripresa. Per questo però bisogna indirizzare le energie su un fronte comune, come stanno efficacemente facendo i nostri colleghi nel resto del modo”.

Le elezioni del nuovo Consiglio Direttivo, previste per il 18 dicembre, daranno un ulteriore impulso al processo di cambiamento che ASSOCOM ha intrapreso negli ultimi mesi. Le attività sono in corso e continueranno, con l’intensità necessaria per far fronte alle esigenze delle imprese associate, che sono molte e che continuano a darci la fiducia e l’energia che ci servono per essere all’altezza delle loro aspettative.

Sicuramente la perdita di alcune importanti agenzie, a cominciare da quelle internazionali, rende ancora più impegnativo il compito che ASSOCOM si è data, oltre che essere motivo di rammarico. Ma è anche elemento di stimolo, per continuare sulla strada intrapresa con ancora maggiore energia, nell’auspicio che i fatti convincano le imprese che si sono allontanate a ripensarci e le agenzie che ancora non ci conoscono a darci fiducia.

ASSOCOM metterà in campo tutte le sue forze perché il mondo della comunicazione si compatti su un fronte comune che, pur nelle differenze, valorizzi l’intero settore e ne difenda gli interessi ed il futuro.