Streamit Twww.tv, e il pallone va in rete

63

di Giacomo Aricò

Il nome ricorda una pay tv che imperversava un decennio fa, ma la nuova offerta sportiva di “Streamit Twww.tv” non ha niente a che vedere con quell’emittente. Prima di tutto è sul web e ancor più importante non è pay.

Fondata e sviluppata attraverso la New Deal Production da Gianni Armetta (nella foto) e Federico Luzi, i suoi elementi distintivi sono l’elevata interattività in modalità full screen, l’ottima qualità dell’immagine, la semplicità di connessione e un ampio bouquet di canali.

ascolta l’intervista a Gianni Armetta

ascolta l’intervista a Federico Luzi

Una vera e propria tv, sempre a portata di mano, estremamente facile da usare, con un telecomando di controllo direttamente sullo schermo che può selezionare tra 150 canali. Di questi, 15 hanno appena fatto il loro ingresso a raddoppiare il pacchetto sportivo. La maggior parte riguardano il calcio, con canali tematici sia riguardanti le principali squadre di serie A (Milan, Inter, Juventus, Udinese, Napoli, Parma, Palermo, e molte altre in arrivo), sia le discipline del Calcio Femminile (DFC Channel) che del Calcio a 5 (Divisione Calcio a 5). Completano l’offerta anche le nuovi tv legate al Basket e al Rugby.

Dietro a questa imponente operazione c’è Michele Criscitiello, già fondatore del portale di calciomercato “TuttoMercatoWeb” e a capo della società “Micri Communication” che mette al servizio dei nuovi canali nuovi giornalisti sportivi carichi di entusiasmo.

ascolta l’intervista a Michele Criscitiello

In diretta con le news, interviste e conferenze stampa dei protagonisti della Serie A, lo spettatore entra così nel vivo della propria squadra del cuore.
Questa nuova proposta sportiva inoltre indica nuovi orizzonti sotto il profilo pubblicitario. Gianmario Ricciarelli, che assieme e Arnaldo Resega guida la concessionaria pubblicitaria di Streamit, la “Erredue Digital Communication”, ha annunciato l’ingresso ufficiale di Streamit in Audiweb, sottolineandolo come un “passaggio importante che ci permetterà di conoscere con esattezza il profilo dei nostri visitatori”.
Intanto però il web corre sempre, la voce gira, la soddisfazione degli spettatori cresce: la Shinystat, società specializzata nella rilevazione online dei video, ha già registrato (addirittura per un numero limitato di canali) ben 4 milioni di utenti unici lo scorso maggio.
Sempre e comunque, ovunque. Internet supera ogni barriera raggiungendo tutti. Più immediata del testo, la passione sportiva che si vede e si sente. Il pallone che va in rete facendoci esultare.