National Geographic Channel ricorda il dramma della nave Concordia

124

Nel primo anniversario dell’affondamento della nave Concordia, National Geographic Channel (canale 403 di Sky) ricorda quella drammatica notte, ripercorrendo gli eventi che portarono al naufragio e raccontando il piano previsto per il recupero dell’imbarcazione in due speciali in onda nelle serate di giovedì 10 gennaio alle 23.00 e domenica 13 gennaio alle 21.55.

Per promuovere i due appuntamenti dedicati alla tragedia, National Geographic Channel ha realizzato uno spot TV, in onda sui canali del gruppo e sui canali Sky, e un contributo radio da 30” su Radio 101, RDS e Radio Italia

La campagna prevede anche una pagina pubblicitaria su Il Sole 24 Ore, La Repubblica, Corriere della Sera e Panorama e sui periodici National Geographic Magazine e Storica National Geographic.

Infine, i profili social media di National Geographic Channel diventano parte integrante del progetto, creando un filo diretto con tutti i telespettatori. Una serie di post, video e foto animeranno la pagina Facebook di National Geographic Channel (https://www.facebook.com/nat.geo.tv.italia) mentre sul profilo Twitter (https://twitter.com/NatGeoTvItalia) gli utenti potranno commentare in diretta i due speciali attraverso l’hashtag #concordia.

I DOCUMENTARI

Giovedì 10 gennaio 2013 alle 23.00, CONCORDIA: UN ANNO DOPO ricostruisce quella terribile notte, ripercorrendo gli eventi che portarono al naufragio. Attraverso i rapporti ufficiali, le registrazioni audio, le testimonianze del personale di bordo e le interviste agli esperti, il programma prova a spiegare le ragioni della collisione della nave con gli scogli a largo dell’isola. Non solo. Il documentario punta i riflettori anche sul piano di recupero dell’imbarcazione, analizzando nel dettaglio le operazioni da compiere. CONCORDIA: UN ANNO DOPO sarà inoltre trasmesso lo stesso giorno su Sky TG24 Rassegne (canale 505) a partire da mezzanotte.

Domenica 13 gennaio 2013 alle 21.55, CONCORDIA: TESTIMONI DEL DISASTRO racconta il naufragio attraverso le voci e gli occhi dei passeggeri. Dalla partenza dal porto di Civitavecchia fino alle operazioni di salvataggio segue le storie di una famiglia italiana, di una coppia francese in luna di miele e di madre e figlia statunitensi, ripercorrendo le ore concitate del naufragio: l’acqua che invade i corridoi e le scale della nave; il pianto dei bambini e le urla di disperazione dei genitori; il diffondersi del panico; l’assalto alle scialuppe.

Il documentario presenta filmati amatoriali, molti dei quali inediti, realizzati con telefoni cellulari e video camere nonché le riprese a raggi infrarossi della Guardia Costiera impegnata nei soccorsi.