Fare politica digitale: il nuovo libro di The Vortex per candidati, partiti e movimenti che vogliano usare la Rete con successo

57

Il 22% degli americani ha dichiarato sui social media chi avrebbe votato. Anche in Italia, la diffusione di Internet, dei social media e della navigazione con smartphone ha prodotto e continua ad accendere i riflettori sull’uso del digitale da parte di candidati, movimenti e partiti come dimostrano le primarie del Centro Sinistra che si sono svolte in questi ultimi giorni.
La Rete non solo cambia gli strumenti tradizionali della politica come i sondaggi e gli exit poll, ma crea le condizioni per incidere sul marketing e sulla comunicazione politica.
“Fare politica digitale”, il nuovo libro di The Vortex – società leader nella formazione al marketing digitale – intende offrire a candidati, movimenti e partiti strumenti pratici e modelli di uso delle piattaforme più diffuse sulla Rete: il blog, i motori di ricerca, Facebook, Twitter, le modalità con le quali monitorare e gestire i commenti degli utenti.
Scritto a più mani con Paola Giudiceandrea, giornalista ed esperta di media digitali, il libro è arricchito da interviste ad esponenti politici, esperti di comunicazione politica e movimenti della società civile e offre un’ampia panoroamica sui casi di successo e insuccesso italiani e un’approfondita analisi dell’utilizzo del web nella campagna elettorale americana.
Il testo presenta suggerimenti pratici, esercizi, osservazioni e spunti per poter prepararsi alle prossime sfide elettorali e valorizzare le proprie competenze e la propria passione politica per affrontare con successo anche il linguaggio della Rete.

 

 

Andrea Boscaro di The Vortex ci parla di questo libro