Catoni Associati e la Facoltà di Architettura per il Comune di Firenze

Continua la campagna di comunicazione del Progetto David, voluta da Matteo Renzi per il Comune di Firenze insieme all’Associazione Lorenzo Guarnieri e firmata da Catoni Associati.
Questa terza parte “Occhio alla strada Occhio alla vita project”, consiste in una serie di attività “non convenzionali” di ambient e guerrilla marketing e, come la precedente fase, mira a sensibilizzare i cittadini sul tema della sicurezza stradale.
Il progetto, ideato da Catoni Associati, ha coinvolto più di cento studenti del Corso di Sociologia Urbana della Facoltà di Architettura dell’Università di Firenze. In un workshop progettuale, cui hanno preso parte attivamente Francesco Leonini e Marco Michelini – direttore creativo e art director dell’agenzia – i futuri architetti sono stati invitati a riflettere
sulla campagna e a intervenire, attraverso proposte concrete, sul paesaggio urbano e sull’esperienza dei cittadini, esortandoli a pensare in modo nuovo alla sicurezza in strada.
I ventidue progetti presentati, ospitati per dieci giorni in una mostra nel Cortile della Dogana di Palazzo Vecchio di Firenze, sono un contributo originale, fantasioso e sostenibile, in cui gli studenti propongono il proprio punto di vista sul tema, in un lavoro collettivo doppiamente interessante essendo loro stessi, in quanto giovani, anche tra i principali destinatari della campagna.
Sono in corso di realizzazione i primi tre soggetti, selezionati dalla commissione di cui fanno parte alcuni membri del Comune, dell’Università di Firenze e dell’Associazione Lorenzo Guarnieri.
Manichini senza volto che, come fantasmi, si aggirano tra i ragazzi della ‘movida’; un’enorme scritta colorata che invita a non guidare sotto effetto di alcool e droghe; una macchina che si ribalta dopo un incidente, da dove fuoriescono centinaia di bottiglie di alcool. Tre progetti eterogenei, molto diversi tra loro, ma con un’unica finalità, la sensibilizzazione dei cittadini attraverso installazioni urbane, collocate in particolari location della città: una forma di comunicazione alternativa e, sicuramente, di grande impatto visivo ed emotivo.