E’ nato PIG Quarterly: tutto il lifestyle in un periodico da collezionare

52

Dopo dieci anni di vita come mensile italiano di lifestyle, celebrati lo scorso aprile con la pubblicazione del numero speciale PIG Decade – A Selection of Interviews, Independent Photography and Other Goods, PIG Magazine si trasforma in PIG Quarterly, trimestrale in lingua inglese.

Distribuito dal 22 ottobre 2012 nei migliori fashion store e librerie di tutto il mondo da Export Press, e in Italia anche in edicole selezionate, PIG Quarterly si allontana dalla tipica concezione di magazine per avvicinarsi a quella di libro. La pubblicazione è divisa in capitoli legati da un tema comune, ognuno dei quali approfondisce un argomento di moda, musica, cinema, arte, fotografia, design, cultura e società. PIG Quarterly sviluppa storie e racconti di ampio respiro in forma di reportage. E, come ogni libro che si rispetti, riserva grande spazio alla parte testuale del progetto, senza però dimenticare quella iconografica. Gli artisti contemporanei coinvolti lavorano al trimestrale con creazioni su misura, le fotografie sono scattate ad hoc dai più talentuosi fotografi internazionali e le foto d’archivio mirano all’esclusività.

Il restyling del progetto grafico di PIG Quarterly è stato affidato allo Studio Tankboys di Venezia, che ha collaborato anche alla finalizzazione del restyling editoriale insieme con il direttore creativo, Sean Michael Beolchini, e il direttore responsabile, Valentina Barzaghi, sotto la supervisione del fondatore e direttore editoriale Daniel Beckerman. Per marcare il cambiamento e la tipologia di contenuto proposta, la confezione di PIG Quarterly ha una cover rigida e immagini in sovra-copertina.