Nielsen: investimenti pubblicitari in flessione del 10% ma il digitale cresce a due cifre

143

Tratto da www.eventreport.it

Il futuro dell’advertising è digitale, almeno da quanto indicano i dati monitorati da Nielsen sugli investimenti pubblicitari delle aziende in Italia. Il 2012 si avvia a chiudersi come un anno di marcata contrazione del mercato pubblicitario, in flessione di quasi il 10% su tutti i canali, con la sola eccezione dei mezzi digitali, e il 2013 non sarà ancora un anno di ripresa, a meno di cambiamenti di rotta da intravedere già nel primo trimestre.

Il rapporto Nielsen Economic and Media Outlook presentato venerdì scorso stima dunque per il 2012, includendo anche strumenti di web advertising come il SEO, il social media marketing e il video advertising (solitamente esclusi dai dati Neilsen, ma che in questo caso mitigano la contrazione), un calo della spesa pubblicitaria dell’8,4%, per un totale investito di 7,5 miliardi di euro. La flessione è distribuita abbastanza omogeneamente fra tutti i settori merceologici, con punte negative per le aziende di servizi (-15,9%), di beni di largo consumo (-9,9%) e di beni durevoli, compreso l’automotive (-9,4%).

Per quanto riguarda i mezzi di comunicazione, è la carta stampata a soffrire di più (-13,5%) insieme alla televisione (-9,5%), che resta comunque il mezzo con la maggiore quota di mercato assoluta (57%).

Segno decisamente positivo, anche se in tono minore rispetto agli ultimi anni, lo registrano invece gli investimenti sul web, con un +11% che li porta a costituire il 13,1% del mercato globale; la performance positiva è legata soprattutto alla capacità del web di attrarre nuovi investitori, con un aumento del 27% di aziende che hanno scelto il web per la prima volta.

Tra i settori che si stanno spostando sul web spiccano la grande distribuzione (+69,6%), la cura della persona (cosmesi e profumeria a +37%), i servizi per il tempo libero, tra cui il turismo, che segna un +27%; molto più ridotta invece la crescita di settori che hanno già consolidato la propria presenza sul web, come telecomunicazioni e finanza/assicurazioni.