Freccero direttore artistico di ‘Fuoriserie’: celebrato il matrimonio con Cubovision

L’ex manager di Viale Mazzini alla prova della tv on demand

twitter@SpotandWeb

Dopo aver lavorato per la tv commerciale ”in tre Paesi, in quella pubblica e tematica mi mancava solo la tv on demand. Ho detto si’ perche’ ho seguito tutte le tappe di questa evoluzione”. Lo dice Carlo Freccero, che e’ andato in pensione dalla Rai ad agosto, lasciando la direzione di Rai4 e ora debutta come direttore artistico di Fuoriserie, il nuovo canale per le fiction inedite della tv on demand Cubovision di Telecom Italia, di cui oggi e’ stato presentato il palinsesto per la nuova stagione.

fre

Fra le altre novita’, piu’ spazio alle anteprime assolute e al cinema italiano, grazie a un accordo con Rai Cinema.

“Il futuro della tv generalista passa attraverso la sua capacita’ di porsi, di nuovo, al centro dell’attenzione, facendo di ogni cosa un evento, in modo da creare condivisione da parte del pubblico”, ha detto poi l’ex manager di viale Mazzini.

“I canali tradizionali devono liberarsi dall’accerchiamento di offerte variegate e complesse provenienti dalla concorrenza. Per sopravvivere la tv generalista deve continuare a creare un’agenda di cerimonie mediatiche. Penso alle crisi di governo, alle situazioni drammatiche, ma anche a Sanremo. Fare di tutte queste cose un evento unico vuol dire riproporsi come centro di gravita’, evitando di rimanere soffocata dalla coda lunga dell’offerta dei suoi competitor”.