Domani sera parte la nuova edizione del Bobbio Film Festival 2012

Di Giacomo Aricò
Sotto la direzione artistica di Marco Bellocchio, prenderà il via domani sera la 16a edizione del Bobbio Film Festival. Un appuntamento sempre più di prestigio per tutti gli appassionati di cinema, che vedrà la magnifica cornice di Bobbio (Pc) a fare da sfondo. Se l’anno scorso ci eravamo salutati con il “Vallanzasca” di Michele Placido (presente insieme a Kim Rossi Stuart), domani sabato 21 luglio sarà “Terraferma” ad aprire le danze. L’omonimo film di Luchino Visconti è firmato da Emanuele Crialese e vedrà la presenza di Donatella Finocchiaro, che al termine della proiezione, sarà a disposizione per un incontro-dibattito con spettatori e critici. Le proiezioni avverranno nel chiostro di San Colombano. Domenica 22 luglio è la volta di Gianni Amelio con “Il primo uomo”. Lunedì 23 arriva “L’ultimo terrestre” di Pacinotti, mentre, dopo la pausa del 24, mercoledì 25 è il grande giorno di “Diaz” e per l’occasione interverrà di persona il produttore Domenico Procacci. Il giorno dopo è dedicato ai fratelli Taviani con “Cesare deve morire”, seguito il giorno dopo da “Quando la notte”, che vedrà l’arrivo a Bobbio di Claudia Pandolfi e della regista Cristina Comencini. Sabato 28 luglio il divertimento è assicurato con “I Soliti Idioti” e la coppia comica Mandelli-Biggio interverrà al termine del loro primo film, visto che il secondo è in lavorazione. Nei giorni successivi ecco “Là-bas. Educazione Criminale” di Guido Lombardi, “L’industriale” di Giuliano Montaldo, “Scialla! (Stai sereno)” di Francesco Bruni, “La kryptonite nella borsa” di Ivan Cotroneo, “Io sono lì” di Andrea Segre e “Sette opere di misericordia”. Grande chiusura sabato 4 agosto con l’intervento del regista Marco Tullio Giordana che verrà a presentare il suo “Romanzo di una strage”. Infine, protagonista della 16a edizione del Bobbio Film Festival è, come sempre, l’alta formazione cinematografica, grazie allo storico laboratorio Fare Cinema creato da Marco Bellocchio che affida quest’anno la docenza del corso ad un grande maestro del cinema della natura, Franco Piavoli. Durante il periodo del festival ragazzi e ragazze provenienti da tutta l’Italia, selezionati fra i tanti aspiranti che hanno mandato la loro candidatura, hanno la possibilità di acquisire specifiche competenze nel settore del cinema e di seguire tutte le fasi creative di un’opera cinematografica.