Vizi Pubblicitari-Sgommata di cattivo gusto

di Federico Unnia

Il mio gommista di fiducia mi toglierà il saluto. Ma è doveroso tirare le orecchie, metaforicamente s’intende, a una categoria che ha fatto del binomio donna-motori la sua grande capacità attrattiva. Il Presidente del Comitato di Controllo ha sospeso d’urgenza, attraverso un’ingiunzione di desistenza divenuta immediatamente esecutiva perché non opposta, il messaggio pubblicitario “Eurogomme gli specialisti del mestiere”, diffuso con affissioni esterne a Napoli nelle scorse settimane.


Il messaggio, nel pubblicizzare sconti dal 40% al 70% sui pneumatici di diverse marche, si serviva dell’immagine di una donna di spalle completamente nuda dalla vita in giù.
Ad avviso del Comitato non vi era minimo ragionevole dubbio che tale comunicazione commerciale veicolasse una rappresentazione svilente della donna, determinandone in tal modo il contrasto del messaggio con l’art. 10 del Codice, che impone il rispetto della “dignità della persona in tutte le sue forme ed espressioni”. Infatti, nulla giustifica la scelta comunicazionale in questione, essendo questa unicamente finalizzata ad attrarre l’attenzione del pubblico, esponendo il corpo femminile quale oggetto del desiderio in vetrina, realizzandone la mercificazione.
Una lesione peraltro amplificata dal claim “cosa vi possiamo offrire di più?”, che sottolinea il ruolo di profferta affidato al corpo della donna nel messaggio. Con buona pace del mio amico gommista.