«Primavera Digitale», la campagna del Salone Internazionale del Libro 2012

Un fiore con sette petali, fatti con l’impronta di un dito intinto nei colori del logo del Salone. Un gesto ludico, creativo, liberatorio, accompagnato dal claim Primavera Digitale. È l’immagine di campagna che caratterizza la comunicazione del Salone Internazionale del Libro 2012. La campagna è stata ideata dall’agenzia Café Noir di Torino, che è anche l’autrice del logo de La Città Visibile, 1988-2012>>: il programma realizzato assieme da Salone e Circolo dei lettori per celebrare i venticinque anni della kermesse libraria torinese. La campagna «Primavera Digitale» si è aggiudicata una gara di creatività che, come tutti gli anni, ha visto concorrere numerose agenzie di adv, e si è imposta per la suggestione del claim, la purezza grafica e ricchezza concettuale dell’immagine e l’efficacia nell’interpretare il tema del Salone 2012: quel «Vivere in rete» che è la conseguenza della rivoluzione digitale che stiamo attraversando. L’immagine della «Primavera Digitale» contrassegnerà da oggi tutta la campagna di comunicazione e i materiali a stampa del Salone (programmi, cataloghi, cartelle).