Ecco come scoprire quando in chat ci dicono delle bugie

Uno studio della Brigham Young University dà adito ai nostri sospetti

twitter@g_santaniello

Se mentre chattate il vostro interlocutore impiega piu’ tempo del solito a rispondere, probabilmente, sta per mentire. Ecco: ora avete anche un supporto scientifico al vostro pensar male. Lo ha dimostrato un nuovo studio della Brigham Young University pubblicato sulla rivista ACM Transactions on Management Information Systems.

bugia

Il risultato della ricerca suggerisce di diventare sospettosi quando una risposta arriva dopo una silenziosa, e talvolta imbarazzante, pausa. Quell’intervallo di sospensione in una conversazione digitale, qualunque sia il social, è giusto che ci metta sull’attenti.

“Le conversazioni digitali sono un terreno fertile per l’inganno perche’ le persone possono facilmente nascondere la loro identita’ e far apparire qualsiasi messaggio credibile”, ha spiegato Tom Meservy, autore dell’indagine.

“Purtroppo gli esseri umani non sono affatto bravi a smascherare un inganno, scoprono le bugie infatti solo il 54 per cento delle volte. Percentuale che scende ulteriormente quando ci mentono attraverso un messaggio digitale perche’ mancano tutti quei segnali aggiuntivi percepibili dal tono di voce o dall’espressione. Stiamo cercando quindi dei metodi per migliorare la nostra astuzia”.

In ogni caso, se vi può aiutare: dai dati della stessa ricerca, e’ emerso che le persone impiegano circa il dieci per cento in piu’ del tempo abituale a rispondere in chat quando mentono…