E la Lega vuole il dazio sull’e-commerce

La proposta avanzata dal presidente della commissione attività produttive Angelo Ciocca

twitter@SpotandWeb

Come se non bastasse il livello di tassazione record del nostro Paese, la Lega Nord ha proposto l’introduzione di un ‘pedaggio’ sull’e-commerce allo scopo di ristabilire una leale concorrenza tra negozi tradizionali e venditori on-line.

ciocca
Angelo Ciocca

E’ la proposta che il presidente della commissione attivita’ produttive Angelo Ciocca, ha fatto a margine della seduta di ieri mattina per affrontare la crisi del commercio.

”Il nodo dell’e-commerce e della sua tassazione e’ cruciale, basti leggere della guerra in corso tra Microsoft e Apple o dei giochetti delle grandi societa’ per sfuggire alla tassazione di certi Paesi a favore di altri – spiega il leghista Ciocca – La Lombardia deve essere in prima linea per difendere le proprie imprese, garantire leale concorrenza, ma anche innovare, senza parlare di dazi e protezionismo”.

“Chi vende in Italia e in Lombardia, anche se il negozio sta dall’altra parte dell’oceano, deve contribuire fiscalmente, pagando una sorta di ”pedaggio” per le autostrade reali e virtuali che percorre. Noi siamo pronti a utilizzare queste nuove entrate anche per sostenere la digitalizzazione e la modernizzazione dei nostri negozi storici, che vogliamo tutelare. La nostra Commissione sara’ il laboratorio per un ”pedaggio” sull’e-commerce che dovra’ naturalmente essere sviluppato a livello nazionale”.