Il mercato pubblicitario in Italia ad aprile 2019


10 giugno 2019

   

Il mercato degli investimenti pubblicitari in Italia chiude il mese di aprile leggermente in negativo, -0,5%, rispetto allo stesso periodo del 2018, portando la raccolta nel quadrimestre in parità. Se si esclude dalla raccolta web la stima Nielsen sul search, social, classified (annunci sponsorizzati) e dei cosiddetti “Over The Top” (OTT), l’andamento nel periodo gennaio – aprile si attesta a -3,9%.

Nei primi quattro mesi dell’anno, il mercato rimane fermo intorno allo zero, in linea con quanto avveniva ad aprile 2017, quando infine l’anno si chiuse in crescita del +1,5%” – spiega Alberto Dal Sasso, AIS Managing Director di Nielsen. “Il confronto con il 2017 è significativo per spiegare il trend attuale e prevedere l’andamento dei prossimi mesi: seppur caratterizzato da un clima di incertezza e dall’assenza di eventi di particolare richiamo mediatico, il mercato degli investimenti pubblicitari nel 2017 chiuse comunque con una crescita, seppur modesta”.

Schermata 06-2458645 alle 16.11.53

Relativamente ai singoli mezzi, la TV cala nel singolo mese del -4,7% e chiude il quadrimestre a -3,2%.

Sempre in negativo i quotidiani, che ad aprile perdono il -6,9%, consolidando il periodo cumulato gennaio-aprile a -10,8%. Stesso andamento per i periodici, sia nel singolo mese che per il quadrimestre, con cali rispettivamente del -16,2% e -14,2%.

In negativo la radio, che cala del -2,5% ad aprile e chiude il quadrimestre quasi in parità (-0,4%).

Sulla base delle stime realizzate da Nielsen, la raccolta dell’intero universo del web advertising nel primo quadrimestre dell’anno chiude in positivo a +8,5% (+1,2% se si considera il solo perimetro Fcp AssoInternet).

Cinema e GoTv sono in crescita rispettivamente del 27,4% e 4,2%. In negativo l’outdoor (-6,2%) e il transit (-1,2%).

   

Per quanto riguarda i settori merceologici, se ne segnalano 10 in crescita, con un apporto di circa 50 milioni di euro. Per i primi comparti del mercato si registrano andamenti differenti.

Schermata 06-2458645 alle 16.12.08

Alla buona performance di tempo libero (+12,3%), farmaceutici (+5%) e finanza (+15,5%), si contrappongono i cali di cura persona (-9,6%), automobili (-11,0%) e telecomunicazioni (-16,8%). Tra gli altri settori che contribuiscono alla crescita si segnala il buon risultato in termini di investimenti pubblicitari di servizi professionali (+15,8%), giochi e articoli scolastici (+10,6%) e informatica / fotografia (+97,6%).

“Anche quest’anno, l’attuale crescita zero del mercato pubblicitario dovrebbe spostarsi in terreno positivo alla fine dell’anno: l’entità della crescita dipenderà anche da quanto succederà politicamente nei prossimi mesi, sia nei rapporti con l’Unione Europea, sia negli equilibri di Governo” – conclude Dal Sasso. “Si tratta di variabili che significano minore o maggiore stabilità per i mercati e quindi per le imprese che investono. Il traguardo che abbiamo previsto, in funzione della situazione attuale, è una crescita del +0,8%, con andamenti molto differenti tra i mezzi e tra i settori”.


Spot and Web S.r.l. P.IVA 02684980184