Diaferia chiede l’espulsione da ADCI di Guastini, Iabichino, Grazioli e Montieri


22 marzo 2019

   

I soci ADCI Massimo Guastini, Paolo Iabichino, Laura Grazioli e Daniela Montieri sono stati deferiti lo scorso 14 marzo ai probiviri da Pasquale Diaferia. Le accuse sono di diffamazione, slealtà e scorrettezze nei confronti di altri soci, e comportamenti che hanno gettato discredito sull’ADCI (ai sensi degli articoli 4.1.3 e 4.1.5 dello Statuto Sociale), con l’aggravante dei comportamenti reiterati nel tempo e della importanza del ruoli apicali nel club degli stessi soggetti (Guastini past president, Grazioli Ambassador a Bologna, Iabichino candidato Presidente e Montieri candidata Ambassador).

Il deferimento recita: “Vista la gravità e l’organizzazione associativa dei comportamenti diffamatori e di minaccia, oltre alla importanza delle figure all’interno del Club, sono a richiedere la massima durezza nell’intervento sanzionatorio”.

Senza giri di parole, Diaferia ha chiesto, ai sensi dell’articolo 7.1.4, l’espulsione dall’associazione dei quattro soci, “per avermi diffamato, e diffuso falsità sul mio conto, accusandomi di essere dedito a comportamenti al di fuori della legge e della morale, … e ad aver diffuso questa laida voce in forma privata a più soci e non soci, con l’intento di danneggiarmi personalmente e rovinare la mia reputazione di professionista, guadagnata in oltre 35 anni di lavoro da copywriter, dirigente di multinazionali e imprenditore”.

Nel ricorso presentato al collegio disciplinare, vi è un secondo capo di accusa, ancora più grave, perchè i deferiti avrebbero danneggiato, con i loro comportamenti offensivi, la credibilità di ADCI ed in particolare alcuni dei dirigenti più conosciuti. Inoltre, Iabichino e Guastini hanno minacciato Diaferia, pubblicamente e in in forma scritta, di allontanarlo dal club, permettendosi di prendere o evocare a loro provvedimenti nei confronti di un socio, senza rispettare organi e procedure statutarie, necessarie proprio per mantenere intatto il principio che ogni socio ha pari valore e dignità nell’associazione.

Sull’apparato probatorio e testimoniale, Diaferia non si esprime: “Devo ovviamente rispettare il ruolo dei Probiviri e la riservatezza che merita questo procedimento”.

Però ha svelato il duro paragrafo finale del ricorso: “Mi affido alla vostra competenza, serietà, correttezza, e al fatto che ci sia una donna del collegio dei probiviri. Probabilmente per Lei sarà più facile capire quanto fastidio, dolore e rabbia io abbia provato nello scoprire che alcuni soci del club dei migliori creativi italiani, quelli che dovrebbero dare l’esempio dal punto di vista etico nell’esercizio di questa professione pubblica e popolare, si siano distinti per comportamenti laidi, diffamatori, vomitevoli, squallidi e vili. Atti degni della miglior tradizione dei cyber bulli, e dei bulletti di periferia: commessi proprio da quei tristi personaggi che si pavoneggiavano per i codici deontologici e la lotta alle Parole Ostili. Quei Bulletti hanno portato danno a me. E a tutto il Club.

Puniteli.”

La sentenza, considerando i tradizionali tempi tecnici, è attesa entro il 14 aprile.

   

Spot and Web S.r.l. P.IVA 02684980184