IKEA e parole O_Stili contro il cyberbullismo


4 febbraio 2019

   

In occasione del 7 febbraio, Giornata Nazionale contro il Bullismno e Cyberbullismo, IKEA e Parole Ostili hanno presentato oggi la campagna  #NotInMyHomePage  per sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema del cyberbullismo, alla presenza degli studenti della scuola Emanuela Setti Carraro dalla Chiesa di Milano, di Elena Ferrara, prima firmataria della Legge contro il cyberbullismo, Paolo Picchio e Ivano Zoppi della Fondazione Carolina, e Luca Bernardo di CoNaCy – Centro Nazionale per la Prevenzione e il Contrasto al Cyberbullismo  e ai fenomeni illegali della Rete.

Obiettivo è sostenere la cultura della inclusione e del rispetto anche attraverso un uso più consapevole delle parole e dare un messaggio, forte e chiaro sul tema: il cyberbullismo deve restare fuori dalle nostre case, reali e virtuali.

METRO

La campagna prevede diverse iniziative rivolte alle scuole, ai clienti e collaboratori di IKEA e alla web community. Con Parole O_Stili IKEA ha realizzato il progetto didattico “Prendiamo le misure al cyberbullismo”, rivolto al mondo della scuola secondaria. Insegnanti e studenti si confronteranno sul tema grazie a un originale strumento didattico: un “metro” attraverso il quale potranno “misurarsi” con il cyberbullismo, con domande e spunti di discussione per riflettere insieme e far comprendere ai ragazzi che si può scegliere di prendere posizione contro il cyberbullismo ed esercitare una influenza positiva sui propri compagni. Ai ragazzi saranno presentate diverse situazioni in cui dovranno scegliere il comportamento più corretto discutendo con i propri insegnanti e fra loro.

Tra il 7 e il 10 febbraio, inoltre, in due store a Milano e Roma, i clienti IKEA potranno vivere un’esperienza immersiva sul tema del cyberbullismo, entrando nell’ideale cameretta di un teen ager vittima di cyberbullismo, con l’obiettivo di sensibilizzare i visitatori sul proprio ruolo, rendendoli consapevoli che è necessaria una presa di posizione. In tutti gli altri punti vendita (21 store, Pop Up e PUOP – Pick Up and Order Point) sarà disponibile materiale informativo per sensibilizzare i clienti sul tema.

In una società in cui la dimensione di casa è sempre più fluida e i confini delle 4 mura domestiche sono diventate permeabili, il cyberbullismo si insinua facilmente all’interno delle nostre case.” dichiara Alessandro Aquilio, Country Communication Manager di IKEA Italia “Vogliamo puntare i riflettori su questo tema, come player che conosce la casa e vuole che essa sia sempre un posto in cui sentirsi sicuri. Per questo abbiamo scelto di chiedere alle persone di fare qualcosa di più: di non essere più spettatori ma di scegliere di avere un ruolo attivo nel contrastare comportamenti violenti, esercitando un’influenza positiva #PerUnaGiustaCasa. Partiamo dalle parole che possono rappresentare un primo passo per fare la differenza, dentro e fuori dalla rete.”


Spot and Web S.r.l. P.IVA 02684980184