Mediaset stringe sull’acquisto di RMC: l’annuncio ufficiale già il 24 luglio?

di Mario Modica

Si nasconde un grande fermento dietro al silenzio che accompagna l’ormai imminente colpo del mercato radiofonico di quest’estate: a due settimane dal primo articolo sull’imminente vendita di Radio Monte Carlo al Gruppo Mediaset pubblicato da “Italia Oggi”, né l’emittente di Alberto Hazan né il Biscione hanno commentato l’indiscrezione che sembra sancire l’epilogo di un’operazione iniziata due anni fa con la nascita del polo Radio Mediaset in cui, oltre a R101, confluirono Radio 105 e Virgin Radio dall’allora gruppo Finelco.

radio

Il passaggio in quota berlusconiana della radio più glamour dell’FM italiano era scontato (e peraltro già indicato negli accordi sottoscritti nell’estate del 2016) ma non in tempi così ravvicinati: qualunque sia il motivo che ha spinto il tycoon della radiofonia italiana ad accelerare i tempi, per il gruppo di Cologno Monzese era un’occasione da cogliere al volo, a conferma di come il settore radiofonico e il suo vivace mercato pubblicitario siano strategici per il colosso della famiglia Berlusconi e per il business della concessionaria Mediamond. Prova ne è che proprio in questi giorni si è consumato anche il passaggio definitivo di R101, ancora in parte detenuta da Mondadori, sotto l’ombrello di Mediaset e RTI.

Ora toccherà a RMC e i tempi si preannunciano brevi: i rumors che arrivano dal quartier generale di Cologno Monzese raccontano di una febbrile attività per espletare tutte le procedure burocratiche (particolarmente delicati gli adempimenti collegati all’ Antitrust) e le questioni di tipo amministrativo; ormai completata la due diligence, l’annuncio ufficiale pare sia solo questione di ore. Due le date che circolano: una prima anticipazione ai mercati potrebbe avvenire già venerdì 20 luglio e una seconda presentazione, più ‘mondana’, sarebbe stata prevista in occasione della serata di presentazione dei palinsesti della nuova stagione di Radio Mediaset in programma martedi 24 luglio alla discoteca Tocqueville di Milano.

Fonti di ambiente Mediaset assicurano che sia proprio Pier Silvio Berlusconi il più emozionato all’idea di poter sfruttare quell’occasione per annunciare anche l’acquisto di Radio Monte Carlo, che secondo la leggenda sarebbe l’emittente sempre agognata dal Cavaliere: e pare che già due settimane fa, in occasione della convention di presentazione dei palinsesti televisivi tenutasi a Monaco lo scorso 4 luglio, l’annuncio sia stato bloccato in extremis su richiesta esplicita della task-force amministrativa che dalla fine di giugno sta lavorando alacremente all’operazione.

Difficile a questo punto ipotizzare un ulteriore rinvio, a meno di intoppi burocratici o di un improvviso – quanto inimmaginabile – ripensamento di Alberto Hazan che per ora ha siglato solo un contratto preliminare. In Largo Donegani, intanto, si lavora già al restyling editoriale di RMC e ad un inevitabile ritocco di R101, i cui target d’ascolto sono molto simili all’emittente monegasca: l’ipotesi più accreditata è quella che la radio del Principato, tradizionalmente associata alla musica di gran classe e all’informazione, possa caratterizzarsi sempre più come una radio di contenuti mentre l’emittente ex Mondadori potrebbe mantenere la sua identità di radio di flusso. Sarebbe, di fatto, la riproposizione di un piano già pronto due anni fa (e di cui Spot and Web aveva anticipato le linee guida qui )

e che era stato accantonato per l’improvvisa esclusione di RMC dal poker di Radio Monte Carlo