Alla luce del sole – combattere i contraffattori nel panorama dei social media

Di Consuelo Michetti, Regional Account Manager, MarkMonitor, un brand di Clarivate Analytics

Consuelo Michetti
Consuelo Michetti

I Social media hanno trasformato le nostre vite, non solo per quanto riguarda le dinamiche di socializzazione, l’essere sempre aggiornati sulle celebrità o sulle ultime tendenze. Il “fenomeno” sociale ha anche cambiato il modo in cui i brand interagiscono con i loro consumatori. Vi sono, ovviamente, anche degli svantaggi. Gli stessi elementi di immediatezza e portata che rendono i social media così attraenti, danno maggiore visibilità e accessibilità anche a contraffattori e truffatori. E con la vendita di prodotti contraffatti online, i Brand subiscono una perdita di entrate, un danno alla loro reputazione e una diminuzione della fiducia dei clienti.

Le piattaforme Social sono dotati di politiche di prevenzione e linee guida, ma i contraffattori sono abili nello spacciarsi per marchi autentici. Uno dei metodi più utilizzati è quello di usufruire di immagini, marchi e loghi legittimi per aumentare la propria credibilità, prima di promuovere i falsi e indirizzare i consumatori verso siti Web contraffatti. Si tratta di account non autentici sui social media, annunci pubblicitari illegittimi sui marketplace online, un serio problema che sta causando notevoli difficoltà ai brand di ogni dimensione.

Ma questo non vuol dire che non si stiano intraprendendo azioni per impedire che questo accada. Molti brand stanno implementando strategie di protezione del brand online incentrate sul consumatore, che possono aiutare a eliminare i casi più preoccupanti di contraffazione e allo stesso tempo rendere più difficile per i malintenzionati ottenere la visibilita desiderata. Ma esiste un’area particolarmente vulnerabile che molte aziende non stanno prendendo in considerazione: i loro stessi canali social media.

In MarkMonitor abbiamo purtroppo modo di assistere a una nuova tendenza nel panorama social, per cui coloro che cercano di vendere prodotti contraffatti ai consumatori, postano commenti “nascosti” sui post dei marchi ufficiali che rimandano a siti contraffatti progettati per ingannare i consumatori nei loro acquisti. Questo può accadere in due modi: nel primo, qualcuno creerà un account che utilizza lo stesso nome e logo del marchio originale. In questo modo, i post nella sezione commenti sembreranno provenire dal marchio legittimo ma verranno utilizzati per guidare i consumatori verso i prodotti contraffatti. Il secondo metodo consiste nell’utilizzare il proprio account per offrire ciò che sembra essere un supporto o una guida per il consumatore, ma è in realtà una trappola per diffondere informazioni sui propri prodotti contraffatti.

Un’altra strategia comune utilizzata dai contraffattori è quella di impersonificare un venditore sulla pagina social media legittima del brand. I commenti orientati alla vendita di merci contraffatte sono pubblicati da bot, quindi da tecnologia con intelligenza artificiale (AI) e sono in funzione 24 ore su 24, 7 giorni su 7.

Questa si è rivelata essere una strategia preoccupante ed efficace soprattutto perché gli acquirenti saranno molto meno sospettosi verso questa attività rispetto ad altri metodi. Se stanno già navigando sul vero account social media del brand in teoria non hanno motivo di stare in guardia o di essere scettici sull’autenticità dei prodotti proposti nei commenti ai post pubblicati dal Brand.

Non è un segreto che qualsiasi tipo di contraffazione promossa sulle piattaforme social media può vanificare gli sforzi digital marketing dei Brand ufficiali ma quando l’attività è svolta sui loro stessi account, i danni alla reputazione sono ulteriormente amplificati. Se un cliente ben intenzionato cade nella trappola della contraffazione, molto probabilmente finirà per essere estremamente irritata e potrà facilmente esprimere la sua rabbia proprio sulle piattaforme social. Se farà presente che tutto ciò è avvenuto sulla pagina di un marchio autentico, le conseguenze sulla reputazione non sono difficili da immaginare.

Conclusioni

I social media offrono ai brand grandi opportunità di interazione con i propri clienti, sviluppando relazioni e fidelizzandoli. Tuttavia, se i brand vogliono sfruttare appieno questi benefici, è necessario che adottino un metodo efficace quando si tratta di combattere la minaccia posta dai falsari. Ciò include, ovviamente, il prendersi cura dei propri account social media, dal momento che i truffatori diventano sempre più sofisticati e sfacciati.