La Panchina – Felice di conoscervi

di Pietro Greppi

Cuor contento il ciel aiuta” è un detto popolare che deriva probabilmente dall’osservazione del fatto che chi ha una particolare propensione per l’allegria, l’essere positivo e vedere tutto in una prospettiva migliore di quanto appaia … sembra che a quel tipo di persone accadano più cose positive che a chi invece si sofferma sugli aspetti negativi della vita, le critiche, i difetti … Un modo di dire diffuso, forse anche terapeutico, utilizzato per allontanare a volte chi presenta i lati oscuri delle cose e per premiare e gratificare invece coloro che appaiono non gravati da pensieri e problemi. Insomma se il detto è popolare tendiamo a seguirlo, riconoscerlo, riprodurlo … e accade così che molte assunzioni avvengano basandosi anche su questo aspetto, che i venditori dotati di questa caratteristica riscontrino un particolare successo, che la medicina segnali quanto il buonumore aiuti la guarigione o sia anche un efficace fattore di prevenzione di alcune malattie.

I bambini per natura tendono all’allegria. Quando stiamo in compagnia, chi racconta le barzellette o induce al buon umore risulta un elemento prezioso di cui, quando è assente, si nota molto la mancanza e a cui riconosciamo il buon esito di un incontro. Ricorre anche l’affermazione che una donna la conquisti facendola ridere, ma direi che la cosa possiamo tranquillamente affermare riguardi anche l’altra parte del mondo. Insomma ci sono numerosi esempi che possiamo fare per confermare quanto l’allegria porti benefici di vario tipo.

Ma un conto è un detto popolare, un altro è lo stato d’animo delle persone in generale che in periodi come questi non riescono a trovare motivo di allegria guardando la gravità delle cose che accadono nella nostra società e nel mondo in generale. Non essere propensi all’allegria quando hai famiglia e non hai lavoro, quando lo Stato non considera la tua condizione di difficoltà e ti chiede comunque la gabella, quando hai figli che non riesci a seguire come vorresti per i mille pensieri che hai in testa, … se essere sano ti è impedito da un lavoro usurante o dal costo inarrivabile di alcuni farmaci … essere incazzati è il minimo.

di Pietro Greppi – info@ad-just.it