Arriva “Spectre”: James Bond alle prese con il piu’ lungo (e costoso) film della serie

Oltre ore e mezzo di film e un budget da 300 milioni: nelle sale italiane sta per arrivare l’ultimo capitolo della saga di 007. Con qualche sorpresa

di Claudio Micalizio

Gli appassionati italiani stanno già facendo il conto alla rovescia ma c’è anche chi, non potendo resistere all’attesa, si è sobbarcato un viaggio sino a Londra pur di vedere in anteprima il film, ovviamente in lingua inglese. Ma il ritorno di 007 è un evento che, ogni volta come da tradizione, attira la curiosità e l’interesse anche di chi magari non è propriamente un fan sfegatato. Merito del fascino che, a distanza di oltre mezzo secolo, ancora accompagna le gesta del più famoso degli agenti segreti al servizio di Sua Maestà e del battage pubblicitario che 

Un film da record 
“Spectre” in Italia uscirà il prossimo 5 novembre ma, dopo il vernissage con la prima assoluta di martedì 27 ottobre a Roma, in rete e sui giornali è già Bond-Mania. E in attesa di scoprire se sbancherà i botteghini, il 24esimo capitolo cinematografico della saga creata dalla penna di Ian Fleming e prodotto da Barbara Broccoli, figlia di quell’Albert che nei decenni ha contribuito a crearne il mito sul grande schermo, ha già conquistato due record: quello della durata (la pellicola dura 2 ore e mezza) e quello dei costi con 300 milioni di dollari già spesi. Del resto un antipasto di come il budget sia stato particolarmente generoso lo si gusta nei primissimi minuti di proiezione con una scena costosissima e adrenalinica di elicottero su una spettrale piazza messicana che celebra il giorno dei morti, poi ripiega su Roma, Alpi austriache, Tangeri per chiudersi a Londra. I critici hanno già avuto modo di evidenziarne pro e contro, con giudizi non sempre sovrapponibili. Tutti, però, sembrano aver notato un cambiamento nella sceneggiatura trasposta in immagini dal regista Sam Mendes: il racconto strizza sempre meno l’occhio ai contesti tipicamente glamour (si vedono pochi brindisi e abiti bianchi, giusto per citare due stereotipi irrinunciabili nei precedenti capitoli dell’epopea) e vira verso il genere dell’action movie sempre più grintoso e avventuroso, quasi ad adattarsi alla fisicità di Daniel Craig e al suo approccio spartano, basico e perfino innamorato. Già, perché anche questa volta non può mancare un cenno alle doti amatorie dell’agente 007, che non manca di concedersi una scena di casto sesso con Monica Bellucci, alias Lucia: affascinante cinquantenne italiana che stregando l’investigatore britannico sancirà la sua salvezza.

In passerella i miti… del mito
Come vuole la tradizione, ovviamente, non mancano gli inseguimenti spettacolari e le sanguinarie sparatorie che Bond incontrerà nell’affrontare le indagini sulle tracce della Spectre, organizzazione criminale con a capo Franz Oberhauser che i cultori della saga conoscono bene. E non è l’unica citazione che ritornerà dai capitoli precedenti della serie, a cominciare dall’immancabile coctail Martini e dalla Aston Martin Db10. Insomma, sulla carta gli ingredienti per un altro successo ci sono tutti. Con sullo sfondo un interrogativo: chi sarà il prossimo James Bond? Mentre l’elenco dei pretendenti si allunga tra rumors e parecchie autocandidature, a spiazzare tutti – ancora una volta – ci ha pensato proprio il titolare: Daniel Craig, che pochi mesi fa si era detto esausto e pronto a rinunciare al ruolo, a Roma ha confessato di non aver ancora davvero pensato al ritiro da una ribalta che – senza nulla togliere alla carriera dell’attore – ha regalato alla sua carriera una indiscutibile svolta.

CITTON LANZETTAMa torniamo ad oggi: come è il giudizio di chi il film l’ha visto in anteprima? “Spot and Web” ha chiesto il parere di un super esperto: Ilario Citton, fondatore e presidente de “Le Cercle James Bond Club Italia” (a sinistra, in questa foto scattata alla prima di Roma di “Spectre” insieme all’attore Peppe Lanzetta che nel film interpreta il malvagio Lorenzo).