Come usare Twitter per il web marketing - Spot and Web tag

Come usare Twitter per il web marketing

twitterOrmai utilizzare Facebook per il web marketing è diventata una prassi consolidata e diffusa fra aziende di ogni dimensione.

Al contrario, Twitter viene percepito ancora come un social di nicchia, scarsamente comprensibile agli occhi di chi non ne conosce le caratteristiche.

Eppure le più grandi aziende a livello mondiale hanno appreso a sfruttare le potenzialità di questo social che può vantare 230 milioni di utenti attivi.

Secondo una recente ricerca di SimplyMeasured, il 98% dei top brand mondiali utilizza già questo strumento.

Le obiezioni su Twitter come strumento di Web Marketing

La difficoltà di chi non è ancora sbarcato su questo social riguardano soprattutto le modalità di acquisire followers.

Semplificando al massimo, su Twitter è la qualità dei contenuti e la capacità di inserirsi nel flusso delle notizie a fare la differenza.

Non solo: conta anche la capacità di essere presenti costantemente, senza lasciare “buchi” nella programmazione dei post. Talvolta basta anche un retweet per ravvivare il proprio profilo.

Ma l’aspetto senza dubbio più importante consiste nel seguire le interazioni e rispondere alle sollecitazioni provenienti da altri utenti.

Un’ulteriore obiezione è quella della scarsa capacità di engagement di Twitter. In realtà, esattamente come avviene su Facebook, sono le immagini a farla da padrone.

5 buone pratiche su Twitter

Eliminate le prime paure su questo social, veniamo ad alcuni consigli per utilizzarlo al meglio

1.Controllate i trends: è possibile inserirsi in conversazioni esistenti e acquisire visibilità usando gli hasthag del giorno

2. Seguite quelli bravi: prima di lanciare una strategia, date un’occhiata ad altre aziende del settore che usano questo strumento da più tempo

3. Date notizie utili: essere autoreferenziali vi renderebbe ininfluenti

4. Seguite la regola delle 3 R: rispondere, ritwittare, ringraziare

5. Procedete per tentativi: scoprite quali sono gli argomenti che hanno provocato maggiori interazioni, provate diversi tipi di post, cercate di tenere traccia dello storico dei followers e di collegarlo alle azioni che avete intrapreso

Più di altri social, Twitter richiede curiosità, capacità di individuare rapidamente le tendenze e di inserirsi all’interno del veloce flusso di informazioni che lo rendono così vibrante.