Calcio, al via il campionato ma dagli sponsor -18% di introiti


23 agosto 2013

   

Sporteconomy: ben quattro squadre saranno addirittura senza main sponsor. Se la cava meglio la B, con lo sponsor unico per tutti i suoi 22 club: la Ngm

twitter@SpotandWeb 

In campo non brillano, vedi amichevoli estive e prime uscite nelle Eurocoppe, ma anche nei conti le squadre di serie A vivono un momento difficile. Che la crisi incida anche sul mondo del pallone tricolore era cosa nota e viene confermato dai dati relativi agli sponsor di maglia, che quest’anno ha visto un calo di ben il 18% rispetto allo scorso anno, per un totale di poco piu’ di 69 milioni di euro di introiti, contro gli 84 di un anno fa.

napoli

Lo rivela la tabella valori diffusa dall’agenzia Sporteconomy (‘Sporteconomy Jersey Sponsor Index’), dedicata alla posizione commerciale piu’ ambita per gli investitori pubblicitari, ad esclusione dei ricavi da diritti tv.

I dati – in controtendenza rispetto al 2012, quando si ebbe un aumento del 10%, il piu’ elevato dagli anni ’90 – confermano che quattro club dominano lo scenario nazionale (Inter, Juve, Milan e Napoli), incassando da soli il 70% del totale.

Altri 12 club si dividono il resto della torta, col Toro che proprio oggi ha chiuso con Suzuki (che affiancherà Beretta) ma con ben quattro squadre che ancora non hanno main sponsor (Roma e Lazio, il Catania e il Verona, che pero’ ha due sponsor minori), fatto mai avvenuto prima.

Per le due romane, va segnalato che mentre la Lazio da oltre sei stagioni e’ priva di un main sponsor di maglia, la Roma e’ l’unico club di A a non presentare neppure un accordo commerciale con uno sponsor tecnico (in attesa del contratto con Nike 2014/15) e in una sola stagione e’ passata da complessivi 13 milioni (6 da Wind e 7 da Kappa) a zero.

   

Tornando ai leader, quest’anno e’ l’Inter, nonostante l’infelice stagione passata, a guidare la lista grazie ai 13,2 milioni assicurati da Pirelli, seguita da Juve (13 mln da Jeep), Milan (12 mln da Fly Emirates) e Napoli (10 mln da Lete e Msc Crociere). Grazie a loro, il valore medio delle sponsorizzazioni e’ di 3,46 milioni, ma tutti gli altri club sono distanti, con la Fiorentina quinta grazie ai 3 milioni garantiti da Mazda. Fanalino di coda e’ il Livorno, con i 0,75 milioni di Carige.

Per risalire la china, secondo Sporteconomy, i medi ed i piccoli club debbono investire di piu’ nel marketing creando sinergie con gli operatori del territorio e coinvolgendo i tifosi allo stadio.

Un modello da seguire? La Lega serie B che, a sostegno dei suoi 22 club, per la prima volta, oltre allo sponsor individuale sul petto, ha dato l’ok, sul retro di tutte le maglie, a uno sponsor unico: la Ngm.

Servirebbe, in ogni caso, una legge sugli stadi per attrarre nuovi investitori dall’estero e iniziare a ragionare su nuove forme di entertainment calcistico utilizzando al massimo le nuove tecnologie.


Related posts

Spot and Web S.r.l. P.IVA 02684980184