La sfida della Bild per smarcare l’informazione dalla pubblicità


22 maggio 2013

In Germania, il sito on line del giornale più venduto del Paese metterà a pagamento alcune sue aree. L’editore: “Un nostro successo darebbe speranza all’intero settore”

twitter@SpotandWeb 

In Germania il sito del tabloid Bild, il quotidiano piu’ venduto del Paese, presto mettera’ a pagamento alcune aree del suo portale, bild.de. E’ quanto ha reso noto oggi un portavoce della casa editrice Axel Springer, anticipando che il progetto sara’ presentato nei dettagli il prossimo lunedi’.

bildSul sito della Bild presto compariranno dunque contenuti a pagamento, riservati agli abbonati, al fianco di altre notizie aperte al pubblico dei non paganti.

”Se avremo successo con il nostro modello – ha spiegato il portavoce -, per il settore della stampa quotidiana vorra’ dire che c’e’ una chance anche per l’online di guadagnare non solo con la pubblicita”’.

Bild – il cui direttore, Kai Diekmann, ha trascorso l’ultimo anno nella Silicon Valley a caccia di idee per il giornalismo del futuro – propone cosi’ un progetto differente rispetto al sito del quotidiano Die Welt, anch’esso parte del gruppo Springer.

Sul portale welt.de, attualmente, si puo’ avere libero accesso a tutti i contenuti, ma solo per un numero limitato di articoli al mese, superato il quale occorre pagare per poter continuare a leggere i contributi dei giornalisti.

Il problema di rendere remunerativo il giornalismo on-line in Germania e’ un tema piuttosto dibattuto. Recentemente, alcuni siti di grandi media, come la Sueddeutsche Zeitung e lo Spiegel, avevano pubblicato sulle loro homepage un banner che invitava gli utenti a non usare applicazioni che bloccano automaticamente la pubblicita’ sui portali visitati. In questo modo, si sono appellati direttamente agli internauti i responsabili dei siti in questione, si tolgono fondi al giornalismo di qualita’.

Related posts

Spot and Web S.r.l. P.IVA 02684980184